Scaglia il bigliettino d’amore con una freccia sull'anta della finestra. Lei lo denuncia
di Giammarco Oberto

Milano, scaglia il bigliettino d’amore con una freccia sull'anta della finestra. Lei lo denuncia

Pensava che il suo corteggiamento fosse originale. Se Cupido instillava amore nella persona amata colpendola con una freccia, anche lui poteva farlo. Ma ha agito fuor di metafora: ha scagliato una freccia vera contro le ante in legno della finestra della donna sui cui aveva messo gli occhi, infilando sull’asta il bigliettino latore del messaggio d’amore che sicuramente - nella sua testa - l’avrebbe convinta della bontà dei suoi sentimenti. Invece si è rivelato per quel che è: uno stalker, per di più armato. Ed ha provocato la reazione opposta: lei si è terrorizzata. E a suonare a casa dell’arciere non è andata lei, ma i carabinieri, con intenti tutt’altro che amorosi: perché la freccia con la punta d’acciaio poteva perfino uccidere.

 

Il Cupido confuso abita a Crema, non è un bambino paffuto con le ali sulla schiena ma un 34enne che si è invaghito di una coetanea, anche lei cremasca. Tutti i tentativi di corteggiarla però erano risultati vani: lei non cedeva alle sue avances. Allora ha meditato un coup de theatre: ha scritto la dichiarazione d’amore su un biglietto, si è appostato davanti a casa della donna ed ha scagliato la freccia con un arco sportivo contro un’anta in legno della finestra dell’amata. Un gesto da cui lei però non si è lasciata sedurre: anzi l’insistenza dell’uomo che si è pure rivelato arciere provetto l’ha spaventata al punto da chiamare i carabinieri e denunciare il persecutore.

 

I militari sono andati a casa sua e si sono fatti consegnare lo strumento che il dio dell’amore usava per tessere le sue trame: un arco da tiro sportivo e cinque dardi, tre dei quali in legno e punta metallica. Lo spasimante irriducibile è stato denunciato. Molestie alle persone e getto pericoloso di cose i reati di cui dovrà rispondere il Cupido di Crema.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 12 Aprile 2021, 08:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA