Nei campi di tulipani di Edwin e Nitsuhe ad Arese: «I miei fiori un momento di bellezza in un periodo di difficoltà»
di Fabrizio Ponciroli

Nei campi di tulipani di Edwin e Nitsuhe ad Arese: «I miei fiori un momento di bellezza in un periodo di difficoltà»

 A spasso tra i campi di tulipani di ogni colore e varietà. Gialli, rossi, bianchi, rosa, marezzati: praterie che affascinano. No, non sono le pianure d’Olanda, ma di terra padana, a pochi minuti da Arese. È You Pick della coppia olandese Edwin Koeman, 44 anni, e Nitsuhe Wolanios, 35. E anche in zona rossa, è possibile, prenotandosi online, accedere al giardino.

 

Qual è la sua storia?

«Sono olandese e provengo da una famiglia di coltivatori di tulipani. Prima lavoravo in un’azienda che vendeva bulbi poi, nel 2016, ho deciso di farmi il mio campo in Italia, dato che vendevo bulbi anche qui, conoscevo un po’ la lingua e sapevo quanto piacciano i tulipani nel vostro Paese. Senza contare che io e la mia compagna amiamo l’Italia».

 

Quali sono le difficoltà di questo mestiere?

«Molte. In primis, i bulbi vanno coccolati. È un fiore che va gestito bene. Ci vuole il giusto terreno e bisogna prestargli molta attenzione per non rischiare di perdersi la fioritura dei tulipani in tutta la loro bellezza. Io lavoro nell’ambiente da sempre, quindi ormai sono consapevole di cosa serva per avere un giardino di tulipani al meglio».

 

Da quanti anni esiste il giardino di tulipani You Pick?

«Questo è il quinto anno. I primi due campi li avevamo a Cornaredo. Poi ci siamo trasferiti ad Arese. Per avere bellissimi e rigogliosi tulipani, è necessario avere sempre un terreno fresco. Qui ad Arese abbiamo trovato un luogo perfetto».

 

Quante tulipani ci sono nel campo di Arese? Quante varietà?

«Abbiamo circa 370 mila tulipani e 400/450 varietà. L’anno scorso erano molti di più ma la pandemia ci ha fatto malissimo, visto che, nei mesi in cui noi apriamo il giardino, ovvero marzo e aprile, era tutto chiuso. Per questo, quest’anno siamo stati un po’ più cauti con i bulbi. Il campo è comunque molto fornito, siamo decisamente soddisfatti del risultato finale, anche se ci piacerebbe avere la possibilità di far entrare più persone».

 

Lockdown che è proseguito.

«Ci siamo organizzati. È possibile accedere, con tutte le regole del caso, al campo. Importante è prenotarsi online, visto che i posti sono contingentati. Comunque, abbiamo anche avviato un servizio di consegna domiciliare dei tulipani. Il ticket per due fiori costa 4 euro con consegna a casa e 5 cogliendoli nel nostro campo. Consegne in tutta Italia».

 

C’è un tulipano al quale è particolarmente legato?

«La varietà Gudoshnik Double. È speciale. Innanzitutto, ha 12 petali e non i classici sei… Inoltre, è colorato di giallo, arancione e rosso. Bellissimo. È il mio preferito ma, a dire la verità, a me piacciono tutti i tipi di tulipani. È un fiore unico».

 

Perché le persone vengono nel vostro campo a raccogliere i tulipani?

 

«È un fiore semplice e pieno di vita; sempre molto popolare, per la sua forma e i tantissimi colori, molto sgargianti. E chi viene da noi, si sente a casa. Si prende un momento di bellezza in un periodo in cui ci sono tante difficoltà da affrontare».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Aprile 2021, 12:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA