Domiciliari all'aggressore di Niccolò Bettarini, il nuovo compagno di Simona Ventura: «Una vergogna»

Domiciliari all'aggressore di Niccolò Bettarini, il nuovo compagno di Simona Ventura: «Una vergogna»

Giovanni Terzi sembra essere sempre più vicino a Simona Ventura e alla sua famiglia. Il giornalista si è espresso in merito ai domiciliari decisi dal giudice per Davide Caddeo, condannato a 9 anni per l'aggressione a coltellate del primo luglio a Niccolò Bettarini, figlio di Simona e Stefano, definendoli una «vergogna».

C'è Posta per Te, il "colpaccio" di Maria De Filippi: Julia Roberts superospite dell'ultima puntata

Terzi, attuale compagno della showgirl, alla trasmissione Storie Italiane su Rai1 ha espresso la sua opinione in merito. «Va benissimo la rieducazione, ma non dopo un mese - ha spiegato Terzi -. Credo che purtroppo la giustizia stia facendo un grande errore, anche nella comunicazione. Noi abbiamo bisogno di credere nella giustizia e per crederci abbiamo bisogno anche che le pene vengano eseguite. Se le pene non vengono eseguite non riusciamo a credere che chi sbaglia paga».

«È veramente terrificante. Niccolò è vivo per miracolo. Caddeo ha dichiarato di averlo accoltellato. Gli ha dato undici coltellate. Oggi - ha commentato - è ai domiciliari perché si droga. È una vergogna, al di là del fatto che sia Niccolò Bettarini. È una vergogna che si venga messi ai domiciliari in maniera così semplice».
© RIPRODUZIONE RISERVATA