Coronavirus, Milano città fantasma: metropolitane e treni vuoti all'ora di punta

Nonostante l'ora di punta, sono apparsi mezzi vuoti i treni pendolari verso Milano e le metropolitane. Sono i primi effetti delle ordinanze sul Coronavirus che fra l'altro hanno deciso la chiusura di scuole, palestre, musei e cinema. In metro diversi hanno deciso di mettere le mascherine, o in mancanza di quelle si sono avvolti una sciarpa intorno al viso. Spettrale l'aspetto della stazione Centrale di Milano dove questa mattina erano chiusi i bar.

Leggi anche > Coronavirus, le risposte alle dieci domande che tutti si fanno: quanto tempo resiste? Quando si rischia la morte?

«Nemmeno ad agosto il treno così vuoto» è il commento di un pendolare. «Ad agosto c'è più gente perché ci sono le vacanze» gli hanno risposto. «Così respiriamo meglio» ha ironizzato qualche passeggero. Mezzi vuoti anche i Frecciarossa. Su quello in arrivo a Milano da Torino alle otto, il servizio bar era chiuso, mentre venivano diffusi avvisi che «sul monitor è presente un vademecum elaborato dal ministero della Salute a cui il nostro personale si attiene scrupolosamente».
 
 


Nell'unico bar aperto al piano terra della stazione Centrale di Milano alle 8 di mattina il personale racconta di essere in attesa di indicazioni dal titolare per le prossime giornate. «Siamo qui a rischiare - spiega - e stiamo anche con le mani in mano, perché non c'è gente. Ormai si chiudono tutti in casa: noi abitiamo nella periferia di Milano e sa che mio suocero ieri è andato a fare alla spesa all'Esselunga ed è tornato indietro dicendo che i banchi erano tutti vuoti? Poi siamo andati al Gigante e qualcosa abbiamo trovato, ma poco».

C'è solo un cliente a fare colazione, che chiede spiegazioni sulle chiusure: «Sono dalle 18 alle 6 di mattina, quelle per ordinanza - risponde il barista - ma molti bar hanno chiuso anche in altri orari stamattina e li capisco, bisogna fare attenzione». Aperta invece la tabaccheria della stazione Centrale milanese al piano dell'atrio dei binari, con il personale a servire i pochi clienti coi guanti usa e getta. Aperti anche i negozi, ma vuoti. 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Febbraio 2020, 10:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA