Lombardia, Fontana: «I contagi crescono. Dobbiamo stare attenti soprattutto su Milano». Nelle prossime ore decisioni su eventuali misure

video
di Nico Riva

«Negli ultimi giorni si sono fatti molti più tamponi in Lombardia. La percentuale tra i tamponi e gli infettati è più o meno sempre la stessa dei giorni precedenti, ma è sicuramente comunque in crescita» sottolinea il presidente della Regione Attilio Fontana a Sky TG24. Alla luce di quanto sta accadendo, il governatore ha invitato i cittadini lombardi a «tenere dei comportamenti compatibili con le linee che sono state date per cercare di non contribuire alla diffusione del virus». 

Leggi anche > Coronavirus, in Lombardia riesplodono i contagi: 1.844 nuovi positivi, oltre mille casi in più a Milano

Attilio Fontana ha specificato che la Regione sta monitorando la situazione e che nelle prossime ore prenderà una decisione sulla necessità o meno di prendere qualche misura di sicurezza aggiuntiva. Il presidente comunque per ora esclude la possibilità di un nuovo lockdown. «Non siamo arrivati a quel punto. Stiamo semplicemente facendo delle valutazioni per capire quali sono i numeri, qual è l’evoluzione del virus, se ci sono delle curve che si impennano o che riusciamo a controllare». 

 

 

Fontana ha poi aggiunto che «non possiamo più permetterci di fare quello che vogliamo e di mantenere quei comportamenti che questa estate purtroppo hanno fatto ritornare la vita ad essere più o meno normale. Non possiamo e non dobbiamo farlo». Anche perché, secondo le stime, più della metà dei nuovi contagi arrivano dagli under 50, segno che la fascia più «giovane si è un po’ lasciata prendere la mano in queste ultime settimane». Il governatore ha infine sottolineato che il capoluogo Milano richiede una maggiore attenzione


Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Ottobre 2020, 16:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA