La costringe a fare la verticale su un albero e la violenta: terza vittima

La costringe a fare la verticale su un albero e la violenta: terza vittima

Dovrà rispondere di un'altra violenza sessuale, la terza, Mirko Altimari, il veronese di 31 anni accusato di aver violentato una baby-sitter, insieme alla complicità della moglie Giulia Buccaro, lo scorso gennaio nella zona di Poiano, nel veronese.

All'uomo, in carcere a Trento, è stata notificata una terza ordinanza di custodia cautelare per violenza sessuale, sequestro di persona e tortura. Il nuovo fatto emerso dalle indagini, e contestato ad Altimari, è di aver costretto una giovane donna a spogliarsi nuda e di averla obbligata a fare la verticale, appoggiandosi ad un tronco di un albero, forzandola poi a rapporti sessuali. Tutta la scena è stata ripresa dal cellulare: le immagini servivano per ricattare la vittima, così come era accaduto per un altro video scoperto dalla Polizia nel cellulare dell' indagato. Le indagini della Squadra mobile partirono dopo la denuncia della prima baby-sitter, che aveva denunciato di essere stata violentata lo scorso 12 gennaio.

Mercoledì 20 Marzo 2019, 15:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA