Vaccino Covid bambini 5-11 anni, tutto quello che c'è da sapere. LA GUIDA

Vaccino Covid bambini 5-11 anni, tutto quello che c'è da sapere. LA GUIDA

La guida dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che risponde a tutti i dubbi dei genitori

Vaccino contro il Covid per i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni disponibile a breve. Dopo l'ok definitivo dell'Aifa, le prime dosi (1,5 milioni) saranno disponibili a partire dal 16 dicembre. Ecco tutto quello che c'è da sapere, alla luce delle indicazioni dell'Aifa e di un vademecum dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

 

Leggi anche > Vaccino ai bambini, l'Aifa: «Efficace e sicuro, rischio miocarditi è ancora più ridotto»

 

 

 

Vaccino Covid 5-11 anni, è obbligatorio?

Il vaccino contro il Covid per i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni è raccomandato ma non obbligatorio. Questo perché, anche se il numero di bambini in età pediatrica che si infettano e si ammalano è decisamente ridotto rispetto agli adulti, i piccoli possono infettarsi e diffondere il virus. Con la vaccinazione, la capacità di contagiare o di essere contagiati viene ridotta notevolmente (intorno al 90%), anche se non azzerata del tutto.

 

Vaccino Covid 5-11 anni, in cosa consiste?

Il vaccino pediatrico contro il Covid è una versione più 'leggera' del Comirnaty, quello prodotto da Pfizer-BioNTech. Il dosaggio, rispetto al vaccino utilizzato per la popolazione over 12, è ridotto di un terzo ma la caratteristica, quella della tecnologia a m-Rna, rimane la stessa di quello previsto per gli adulti. Identica anche la somministrazione, che avviene con due dosi.

 

Vaccino Covid 5-11 anni, è sicuro?

La sicurezza del vaccino pediatrico contro il Covid è garantita dall'approvazione dell'Ema prima e dell'Aifa poi. «Uno studio condotto su tremila bambini finora ha rilevato reazioni locali (febbre e mal di testa) ma nessuna reazione avversa. Il Covid nei bimbi non è sempre blando, c'è ad esempio la sindrome infiammatoria multisistemica e questa può essere grave. Sei bambini su 1000 finiscono in ospedale. C'è un rischio», ha spiegato Patrizia Popoli, della Commissione tecnico-scientifica dell'Aifa. Maria Paola Trotta, coordinatrice dell'unità di crisi dell'Aifa dedicata al Covid, ha invece dichiarato: «Le miocarditi associate ai vaccini a m-Rna sono un evento molto raro, 1 o 2 casi su 100mila, e sono più frequenti nei maschi di età compresa tra i 16 e i 29 anni, ma sono eventi che non necessitano neanche del ricovero ospedaliero».
Inoltre, come già avviene per gli adulti, prima della somministrazione del vaccino il personale sanitario provvederà a fare semplici domande tramite una scheda standardizzata in base alla quale sarà poi valutata l'opportunità di fare o meno il vaccino, in base ai possibili rischi per la salute.
Tra gli effetti collaterali più comuni, che spariscono nel giro di poche ore o due-tre giorni, come avviene per gli adulti, ci sono stanchezza, mal di testa, brividi, febbre, nausea e dolori muscolari.

 

Vaccino Covid 5-11 anni, quanto dura la protezione?

Analogamente a quanto avviene per gli adulti, per essere completamente immunizzati i bambini dai 5 agli 11 anni dovranno sottoporsi ad un richiamo non prima di 21 giorni dalla prima dose.

 

Vaccino Covid 5-11 anni, cosa fare se ci si contagia dopo la prima dose?

Nel caso in cui un bambino dai 5 agli 11 anni si sottoponga alla prima dose di vaccino contro il Covid ma poi risulti positivo al tampone in attesa del richiamo (nei 15 giorni successivi), non dovrà farsi somministrare la seconda dose. In tal caso, infatti, basta l'immunità naturale sommata a quella della prima dose.

 

Vaccino Covid 5-11 anni, va fatto se si è guariti?

Nel caso in cui invece un bambino sia stato contagiato dal Covid negli ultimi sei mesi, si raccomanda una sola dose di vaccino pediatrico. Se sono stati assunti anticorpi monoclonali o plasma convalescente per la terapia del COVID-19, è necessario aspettare 90 giorni prima di effettuare il vaccino COVID-19.
Se invece dalla malattia sono passati più di 12 mesi, è necessario procedere alla doppia dose.
Per i soggetti che presentano condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici è raccomandato fare due dosi secondo la schedula vaccinale prevista per i diversi vaccini disponibili.

 

Vaccino Covid 5-11 anni, come fare se ci sono altre vaccinazioni in programma?

È possibile effettuare la somministrazione concomitante (o a qualsiasi distanza di tempo, prima o dopo), di un vaccino anti-SARS-CoV-2/COVID-19 utilizzato in Italia e un altro vaccino inattivato (antipoliomielitica; antidifterica; antitetanica; anti -epatite B; anti-pertosse; anti-Haemophilus tipo b; anti-influenzale; anti HPV; anti-influenzale). Nel caso dei vaccini vivi attenuati (anti-morbillo; anti-rosolia; anti-parotite; anti-varicella; anti-herpes zoster; anti febbre gialla), è considerata valida una distanza minima precauzionale di 14 giorni prima o dopo la somministrazione del vaccino anti SARS-CoV-2.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 3 Dicembre 2021, 08:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA