Va tre volte al pronto soccorso ma non viene ricoverato, ora è in coma. La denuncia della figlia: «Ci hanno fatto perdere tempo prezioso»

L'uomo è stato ricoverato al Sandro Pertini di Roma e ora lotta per la vita

Va tre volte al pronto soccorso ma non viene ricoverato, ora è in coma. La denuncia della figlia: «Ci hanno fatto perdere tempo prezioso»

di Redazione web

Va al pronto soccorso per tre volte, ma non viene mai ricoverato. Ora è in coma per un'emorragia cerebrale. L'uomo, un 65enne di Porto Torres, ha dovuto "lottare" con l'ospedale di Sassari per ricevere assistenza, riporta L'Unione Sarda, ma non è stato ascoltato. Adesso la figlia chiede spiegazioni: «Abbiamo perso tempo prezioso e mi auguro che la situazione non sia compromessa».

Febbre alta, bambino di 10 anni muore per arresto cardiaco: disposta l'autopsia

Sequestra una ragazzina a scuola, la stordisce con alcol e droga e la violenta per ore: l'orrore nel barese

Cosa è successo

L'uomo avrebbe provato a farsi ricoverare in 3 occasioni tra agosto e settembre. Due volte è stato accompagnato in pronto soccorso dall'ambulanza, un'altra da una parente. Visitato dai medici di guardia, è sempre stato rispedito a casa. Il 65enne lamentava problemi alle gambe e pressione al petto. Adesso è ricoverato al Pertini di Roma e lotta tra la vita e la morte. A denunciare l'accaduto è stata sua figlia Stefania. «Per la disperazione, tramite un'amica, ci siamo rivolti a una struttura ospedaliera romana. Mio padre, prima di essere portato al pronto soccorso di Sassari, aveva perso 15 chili e continuava a lamentarsi. Infatti al Sandro Pertini gli hanno riscontrato problemi cardiaci, al rene e al fegato. I medici mi hanno detto che ha una grave infezione e che stanno tuttora eseguendo accertamenti», ha detto.

La situazione, già grave, è peggiorata nelle ultime ore: «Dall'ospedale di Roma - continua Stefania - i medici mi hanno avvisato che mio padre ha avuto un'emorragia cerebrale e si trova in stato di coma in terapia intensiva. In famiglia siamo disperati e io stessa sto di nuovo partendo per Roma per stargli vicino». Ora la donna chiede spiegazioni: «Non capisco ancora perché mio padre a Sassari non sia stato preso in giusta considerazione - precisa ulteriormente Stefania -. Abbiamo perso tempo prezioso e mi auguro che la situazione non sia compromessa».


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Novembre 2022, 08:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA