Scomparso e ritrovato, Sebastiano Bianchi si scusa: «Pensieri negativi, volevo sparire in silenzio»

Scomparso e ritrovato, Sebastiano Bianchi si scusa: «Pensieri negativi, volevo sparire in silenzio»

Il cestista ha spiegato le motivazioni della sua fuga chiedendo scusa a tutti coloro che sono stati in pensiero per lui con una Instagram story

Sebastiano Bianchi, il 29enne ala dei Legnano Basket Knights che milita nel campionato di serie B è stato ritrovato e ha chiesto scusa. Il cestista era scomparso domenica scorsa facendo perdere le sue tracce andando via di casa, ma dopo qualche giorno è tornato e ha spiegato ai cari e ai suoi fan i motivi del gesto.

 

Leggi anche > Mancini sicuro: «Fiducia per marzo, ai Mondiali ci andremo. Magari li vinceremo pure»

 

Su Instagram Sebastiano ha chiesto scusa a tutte le persone che sono state in ansia per lui e a cui ha causato in qualche modo dolore spiegando: «Da mesi ormai sono tornato a essere schiavo di pensieri negativi che credevo di aver lasciato alle spalle definitivamente, in un momento di profonda crisi non ho trovato via d'uscita se non quella di sparire, in silenzio, senza disturbare». In una storia motiva i suoi gesti mostrando a cuore aperto le motivazioni del suo malessere e della sua fuga.

 

«Non sopportavo più che altri intravedessero questo enorme disagio in me e ne fossero appesantiti o che subissero la mia sofferenza. Ma non si può scappare da se stessi», ha aggiunto. Infine ha voluto ringraziare tutti coloro che gli hanno dimostrato affetto e vicinanza: «Ringrazio chiunque abbia dedicato un pensiero o un messaggio a me e soprattutto alla mia famiglia ho realizzato che ci sono tante persone disponibili ad aiutarmi e sostenermi, nonostante il modo eccessivo di essere e di vivere, ho lasciato qualcosa di buono in voi come voi in me. Vi assicuro che ho sentito questo bene e ne sono sinceramente grato».


Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Novembre 2021, 11:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA