Pieno di benzina e taniche riempite 'a scrocco' con la carta di Calabria Verde, arrestato un pensionato

Pieno di benzina e taniche riempite 'a scrocco' con la carta di Calabria Verde, arrestato un pensionato

L'uomo, 62 anni, è un ex dipendente dell'azienda forestale regionale. Le indagini partite dalla segnalazione del commissario straordinario di Calabria Verde

Avrebbe dovuto utilizzare quella carta per il rifornimento di carburante delle vetture aziendali. Lui, però, era andato in pensione da tempo ma continuava ad usarla per fare il pieno alla sua vettura privata e non solo. Per questo motivo, un pensionato di 62 anni è stato arrestato dai carabinieri di Catanzaro: ora si trova ai domiciliari, con l'accusa di indebito utilizzo di carta di credito e truffa ai danni di ente pubblico.

 

Leggi anche > Lampedusa, resti umani a Cala Pulcino: forse sono dei migranti naufragati il 30 giugno

 

Il pensionato è un ex dipendente di Calabria Verde, azienda forestale della Regione Calabria. Le indagini sono scattate dopo un esposto del commissario straordinario di Calabria Verde, el quale venivano indicati alcuni anomali rifornimenti di benzina e gasolio con una delle carte carburanti dell'azienda. Episodi non passati inosservati sia per gli orari, serali o notturni in cui venivano effettuati, sia perché incompatibili per quantità di litri riforniti e, quindi, per spesa complessiva con la capacità del serbatoio del mezzo cui la tessera era collegata.

 

I carabinieri hanno quindi verificato gli elementi raccolti dagli impianti di videosorveglianza dei distributori di carburante, confrontandoli con le date segnalate nell'esposto, scoprendo che ad effettuare il pieno era stato un soggetto con la propria autovettura privata. Le immagini registrate mostravano infatti l'uomo che, soprattutto quando erano presenti altri avventori al distributore, fingeva di inserire una banconota nella colonnina self-service, salvo poi utilizzare in modo furtivo la carta carburanti della società.

 

L'arresto in flagranza del pensionato è scattato quando i carabinieri, in una stazione di servizio sulla statale 106, lo hanno sorpreso a fare il pieno alla sua auto e a riempire anche alcune taniche di carburante. In tasca aveva ancora lo scontrino dell'avvenuto pagamento. La fuel card, l'autovettura e le taniche sono state sequestrate


Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Settembre 2021, 12:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA