Yara Gambirasio, scomparso il Dna di Ignoto1/Bossetti: indagati giudice e funzionaria del tribunale

Yara Gambirasio, scomparso il Dna di Ignoto1/Bossetti: indagati giudice e funzionaria del tribunale

Indagati giudice e funzionaria del tribunale di Bergamo per frode in processo e depistaggio

La Procura di Venezia prosegue nel più stretto riserbo l'indagine sull'ipotesi di alterazione dei reperti biologici sul caso di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate di Sopra (Bergamo) scomparsa il 26 novembre del 2010 e ritrovata assassinata il 26 febbraio dell’anno successivo. L'ipotesi di alterazione era stata denunciata da Massimo Bossetti, muratore di Mapello, condannato in via definitiva all’ergastolo, il 12 ottobre 2018 il cui Dna nucleare era risultato sovrapponibile con quello dell’uomo definito “Ignoto 1″ dagli inquirenti  rilevato sugli indumenti intimi di Yara nella zona colpita da arma da taglio e ritenuto dall’accusa l’unico riconducibile all’assassino.

Processo Mollicone, il teste: «L'ex maresciallo Mottola indagato per pedopornografia»

I magistrati di Bergamo, in accordo con la Corte d'Assise orobica, avevano trasmesso per competenza, nel giugno 2021, ai colleghi dell'ufficio di Venezia gli atti «per le opportune valutazioni», dopo la denuncia alla difesa del muratore di Mapello. Nel fascicolo - come scrive il Corriere del Veneto - risultano indagati dalla Procura lagunare il presidente della prima sezione penale del tribunale di Bergamo, Giovanni Petillo, e una funzionaria, Laura Epis, responsabile dell'Ufficio corpi di reato. Entrambi avevano ricevuto anche l'avviso di proroga dell'indagine, per le ipotesi di frode in processo e depistaggio.

L'indagine, secondo quanto si apprende, sarebbe prossima alla chiusura. Nessun commento in proposito dal procuratore aggiunto Adelchi D'Ippolito, titolare del fascicolo, che nei mesi scorsi aveva ascoltato come testimoni i titolari dell'accusa al processo per l'omicidio della 13enne Yara e alcuni investigatori. La difesa di Bossetti si era già vista respingere nel 2021 la richiesta di riesaminare i reperti confiscati dopo la sentenza definitiva, in particolare le tracce di Dna.

La prova principe del processo è da sempre contestata dagli esperti della difesa, che però si sono sempre visti respingere le richieste di riesaminare i reperti confiscati dopo la sentenza definitiva, i 54 campioni trovati sugli abiti della tredicenne. Già nel dibattimento era in realtà emerso che la traccia decisiva per estrarre il profilo di “Ignoto 1” non sarebbe stata più utilizzabile in quanto “definitivamente esaurita”. Ma stando alla denuncia presentata da Bossetti tramite i suoi legali, l’avvocato Claudio Salvagni, vi sarebbero campioni “prima scomparsi e poi ricomparsi” e l’ipotesi che il materiale confiscato “sia stato conservato in modo tale da farlo deteriorare”, vanificando così ogni tentativo di nuove indagini.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 31 Marzo 2022, 17:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA