Samuele, l'ultimo saluto dei famigliari: «Sei un angelo speciale»

Samuele, l'ultimo saluto dei famigliari: «Sei un angelo speciale»

«Tu solo Samuele avresti in questo giorno diritto di parola». Lo ha detto l'arcivescovo di Napoli, don Mimmo Battaglia, celebrando i funerali del bimbo di tre anni morto lo scorso venerdì dopo essere precipitato dal terzo piano di un antico edificio di via Foria, a Napoli. Per la morte di Samuele è stato arrestato un uomo di 38 anni, collaboratore domestico della famiglia della vittima. I funerali si stanno celebrando nella chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci con la partecipazione di migliaia di persone. In tanti indossano una maglietta bianca con la foto del bimbo e la scritta «Sei un angelo speciale ».

 

Samuele, i genitori chiedono silenzio. «Il video è di due anni fa, non c'entra niente con la tragedia»

 

La piccola bara bianca ai piedi dell'altare, attorno ad essa i familiari stretti nel dolore. È già affollata la chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci, alle spalle del Real Orto Botanico, dove alle 12 si sono svolti i funerali del piccolo Samuele Gargiulo, il bimbo di 4 anni morto dopo essere caduto dal balcone della sua abitazione al terzo piano di un palazzo in via Foria, nel centro di Napoli.

 

Alcune delle persone presenti hanno indossato una maglia bianca con una scritta dedicata a Samuele, mentre all'esterno alcuni conoscenti hanno sistemato dei palloncini bianchi che saranno fatti volare all'uscita del feretro. In una nota diffusa ieri dall'avvocato della famiglia, Domenico De Rosa, si chiede alla stampa «riservatezza e rispetto» per il «particolare turbamento» vissuto dai familiari del piccolo. Nei giorni successivi alla tragedia si sono registrati diversi momenti di tensione con i giornalisti nel punto in cui è avvenuta la tragedia, in via Foria, lì dove è sorto un «altarino» dedicato al bimbo con giocattoli, pupazzi e biglietti. 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Settembre 2021, 12:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA