Morti in ospedale, il medico Cazzaniga: "Io fiero, era forma di pietà"

Morti in ospedale, il medico Cazzaniga: "Io fiero, era forma di pietà"

MILANO - «L'ho fatto come una forma di pietà, di cui sono fiero». Leonardo Cazzaniga, medico in carcere per la vicende delle morti in corsia all'ospedale di Saronno così aveva risposto quando dopo l'arresto gli chiesero ragione dei cocktail di farmaci somministrati ai pazienti: «Ho maturato la convinzione che fosse inumano e anti-pietas comportarsi sul morente in modo accanente».

LEGGI ANCHE Saronno, morti in corsia: infermiera e medico ritenuti capaci di intendere e volere


A suo avviso erano pazienti «in fase terminale, preterminale», per terminali «intendo minuti, mezz'ore e ore, per me era semplicemente accompagnarli alla morte». 

Mercoledì 10 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME