Gratta e vince due milioni di euro. Il tabaccaio: «Gli ho detto di correre subito a casa»

Gratta e vince due milioni di euro. Il tabaccaio: «Gli ho detto di correre subito a casa»

Gratta e vince due milioni di euro. È successo sabato pomeriggio a Valmontone, alle porte di Roma, dove Michele Conte, tabaccaio 38enne, ha dato una gioia ad un cliente che ha acquistato il tagliando vincente. «Hei... hai vinto due milioni», gli ha detto, dopo che il cliente gli aveva dato il biglietto chiedendogli «Controlla se i miei occhi hanno visto bene».

Gratta e vince 100mila euro, ma il tabaccaio lo imbroglia e gliene dà 7.800: «Non dirlo ai carabinieri»

Al quotidiano Il Messaggero l'esercente racconta l'accaduto e scherza sul precedente del tabaccaio di Napoli scappato con il biglietto da mezzo milione di euro. «Ci siamo messi a ridere entrambi perché aveva vinto due milioni di euro. Ho fatto le copie del biglietto – prosegue - e poi mi è venuto in mente quel tabaccaio di Napoli che è scappato via col gratta e vinci da mezzo milione, così gli ho ridato subito il tagliando». 

«Non volevo far fare un’altra brutta figura alla categoria dei tabaccai», scherza Michele, che ha invitato il cliente ad andar via dal locale: corri a casa e mettilo al sicuro. «L’ho fatto per evitargli problemi con eventuali malintenzionati – spiega – perché rimaneva lì, contento, mentre si spargeva la voce e non si rendeva conto di quanti soldi avesse vinto. Evidentemente non aveva realizzato di essere stato baciato dalla fortuna».

 

Nei prossimi giorni il giocatore dovrà portare all’incasso il gratta e vinci in una concessionaria abilitata, e una volta pagate le tasse, pari al 20% della vincita, avrà a disposizione sul conto corrente 1,6 milioni di euro. Chi sia il fortunato è un’incognita che in molti sono curiosi di risolvere: «Non conosciamo il vincitore», dicono i gestori. Secondo alcuni potrebbe essere proprio un residente nella città. Secondo altri un “forestiero”. «Non ho idea di chi possa essere – commenta Michele – ma, se ripassa, spero che ci offra da bere». «Di sicuro non è uno di noi, perché in tal caso saremmo già in vacanza».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29 Giugno 2022, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA