Flavio Briatore difende il suo Billionaire: «Abbiamo sempre rispettato le regole». E se la prende con i clienti

video
Flavio Briatore non ci sta, e difende a spada tratta il suo Billionaire dalle accuse di non aver rispettato le regole e di aver in questo modo aiutato la diffusione del Covid-19 in Sardegna. Intervistato da La Stampa l'imprenditore, in qualche modo, se la prende con i compartamenti di alcuni clienti.

Leggi anche >Chiara Ferragni, lite con Fedez l'ultimo giorno di vacanza in Sardegna: «Mi hai rotto il caz***»

«Al Billionaire - precisa Briatore - abbiamo sempre rispettato le regole, facendo entrare il giusto numero di persone. Ma vedendo come andavano le serate non bastava contingentare gli ingressi e predicare il distanziamento: non ci può fare nulla nessuno se fai entrare 100 persone in mille metri quadri e loro stanno tutte appiccicate».

Secondo Briatore nulla avrebbe potuto arginare dei comportamenti sui quali, secondo la sua opinione, nessuno poteva intervenire: «Per tacere di altri comportamenti: abbiamo saputo di ragazzi che a gruppi di 50 o 60 ordinavano le casse di champagne e se le andavano a bere sulla spiaggia insieme con i fornitori. Ballavano e facevano festa sino all'alba. Lì certo non potevamo intervenire». «Stiamo seguendo ora dopo ora le condizioni di tutti. Stanno tutti bene a parte un ragazzo che aveva precedenti patologie», dichiara Briatore.
«Non appena è scattato l'allarme abbiamo disposto il tampone per tutti i dipendenti».

Leggi anche > Alexandre Dumas, il padre del romanzo d'appendice che scrisse I tre moschettieri e Il conte di Montecristo celebrato da Google

Sulla possibilità che Sinisa Mihajlovic si sia contagiato durante la partita di calcetto, «non lo penso. E poi se si ragiona così non si fa più nulla, allora tanto vale restare tutti tappati in casa», dice Briatore. «Anche i calciatori professionisti sono tornati a giocare. Detto questo secondo me nel mondo dello sport scopriremo parecchi casi di positività». In merito alle sue condizioni, «mi sento bene. Non ho nulla di speciale. La temperatura è a posto, respiro bene e sono pure riuscito a lavorare. Anche se mi auguro di uscire presto», afferma l'imprenditore, ricoverato al San Raffaele di Milano. «Ero preoccupato che mio figlio Falco, che ha 10 anni, avesse contratto il virus. Per fortuna stamattina è arrivato il referto dall'ospedale di Montecarlo ed è negativo».
Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Agosto 2020, 12:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA