Esplosione a Ravanusa, il boato intorno alle 20.30. In arrivo soccorsi anche da altri centri

Esplosione a Ravanusa, il boato intorno alle 20.30. In arrivo soccorsi anche da altri centri

Tre squadre di volontari (Procivis, guardia costiera ausiliaria e Croce rossa) hanno raggiunto Ravanusa per i soccorsi

Esplosione a Ravanusa, crolla una palazzina. Un enorme boato ha interrotto, intorno alle 20.30 di questa sera, il silenzio di questo piccolo Comune, in provincia di Agrigento, abitato da poco più di diecimila persone.

 

Leggi anche > Agrigento, scoppia bombola: crolla una palazzina di tre piani. Ci sono cinque dispersi, tra di loro una donna incinta

 

Ravanusa dista da Agrigento circa 50 minuti d'auto e due ore da Palermo. Dopo lo spaventoso boato che ha colto di sorpresa il paese, con il passaparola e con i social si è capito da dove proveniva il rumore dell'esplosione: l'area a ridosso di , dove gli allarmi delle auto e di alcune abitazioni hanno iniziato a suonare. Dagli edifici circostanti sono scesi in strada gli abitanti terrorizzati che hanno visto le fiamme alte levarsi dalle macerie di una palazzina. Calcinacci, pezzi d'infisso, porte sono state scagliati a decine di metri dal luogo dell'esplosione.

 

 

 

Sono giunti quindi i carabinieri, i vigili del fuoco e le ambulanze. L'energia elettrica è stata tolta in tutta la zona dove sono affluite centinaia di persone: «Mamma mia, mamma mia, un disastro» esclamano. Tre squadre di volontari (Procivis, guardia costiera ausiliaria e Croce rossa) hanno raggiunto Ravanusa per i soccorsi, annuncia il sindaco di Licata Pino Galanti. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Dicembre 2021, 12:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA