Dal green pass alle mascherine, l'Italia esce dall'emergenza

Dal green pass alle mascherine, l'Italia esce dall'emergenza

di Alessandra Severini

Due anni passati in stato di emergenza, fra restrizioni, chiusure e un’estenuante altalena di contagi. Un’era - quella della pandemia da Covid 19 - che sta per chiudersi: il governo ha varato un decreto in cui fissa le tappe per un progressivo ritorno alla normalità dopo la fine dello stato di emergenza il 31 marzo, nonostante i contagi in crescita nelle ultime settimane. Alla fine del Cdm, Draghi ha ringraziato gli italiani e assicurato che comunque si continuerà a tenere sotto controllo la curva epidemica.

31 MARZO. Finisce lo stato di emergenza. Addio alla struttura commissariale e al Comitato tecnico scientifico, viene superato il sistema dei colori e delle ordinanze. La gestione della campagna vaccinale sarà affidata ad unità operativa transitoria. Rimangono il monitoraggio settimanale e il bollettino quotidiano. 1° APRILE. Cade l’obbligo di green pass sui mezzi di trasporto pubblico locale, anche se rimane quello di mascherina Ffp2. Per i trasporti a lunga percorrenza basterà la certificazione base e Ffp2. Niente più obbligo di green pass per sedere all’aperto in bar e ristoranti, per accedere ad uffici pubblici, banche, poste, esercizi commerciali. La capienza negli stadi torna al 100%. Al lavoro gli over 50 potranno entrare anche con il green pass base. La sospensione dal lavoro per chi non è vaccinato scompare (ma rimane la multa), rimarrà solo per il personale sanitario e i lavoratori delle Rsa fino al 31 dicembre. Novità anche per le quarantene da contatto. Non sarà più necessario rimanere in quarantena se si è avuto un contatto con un contagiato anche se non si è vaccinati. Regola valida anche nelle scuole dove resterà a casa solo chi è positivo.

1° MAGGIO. Cade l’obbligo di mascherina anche nei luoghi chiusi. Non servirà più il green pass rafforzato per consumare al chiuso in bar e ristoranti, per accedere a piscine e palestre, convegni e congressi, per feste e cerimonie, discoteche, sale gioco e centri ricreativi.

15 GIUGNO. Scade l’obbligo vaccinale per medici, infermieri, operatori delle Rsa, personale della scuola, della difesa e della sicurezza. Fine dell’obbligo vaccinale anche per chi ha più di 50 anni: non sarà più necessario presentare il green pass per entrare al lavoro.

30 GIUGNO. Fine dello smart working agevolato senza bisogno di accordi individuali nel settore privato.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Marzo 2022, 06:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA