Coronavirus, primo caso a Torino. È un italiano che lavora in Lombardia: è collega di due ricoverati. Test negativi per altri 15

Coronavirus, primo caso a Torino. È un italiano che lavora in Lombardia: è collega di due ricoverati. Test per 15

Coronavirus, primo caso a Torino. Si tratta di un italiano di 40 anni che lavora a Cesano Boscone, paese alle porte di Milano,che ed è un collega di due persone che attualmente risultano ricoverate in Lombardia. È quanto è trapelato oggi a margine dell'incontro, a Torino, nella sala operativa della Protezione civile, dove è stata attivata una Unità di crisi. Il quarantenne è sposato e ha due figli, di 8 e 10 anni. Per raggiungere il luogo di lavoro, secondo quanto è stato comunicato, si è servito in numerose occasioni del treno.

Leggi anche > Coronavirus diretta, secondo morto in Italia: è una donna di 75 anni già debilitata. Primo caso a Torino. Focolaio a Lodi. 39 contagiati in Lombardia, 12 in Veneto

La conferma dal test è stata eseguita all'ospedale Amedeo di Savoia del capoluogo piemontese. L'uomo avrebbe per ora solo una blanda febbre e lievi malesseri. La famiglia è stata messa in quarantena. Il caso è stato confermato anche dal presidente della Regione Alberto Cirio che ha parlato anche di altre 15 persone in Piemonte i test di accertamento sono stati - per fortuna - negativi. 

Si stanno ricostruendo le ultime ore del 40enne, L’uomo ha iniziato a sentirsi male giovedì e questa notte ha chiamato i sanitari che lo hanno visitato a casa prima di trasportarlo in ospedale, dove si trova tuttora e in stato di isolamento. Nel corso della conferenza stampa nella sede della protezione civile è emerso che l’uomo ha partecipato ad una partita di basket mercoledì sera, 19 febbraio. Sono sotto osservazione anche i compagni della squadra.

«Non è un focolaio piemontese ma lombardo». Così l'assessore regionale alla sanità, Luigi Icardi, sul primo caso di positività al Coronavirus registrato in Piemonte. Il paziente è un torinese di 40 anni. Si è ammalato, ha spiegato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, «dopo essere entrato in contatto con il ceppo lombardo». I familiari dell'uomo sono sotto osservazione.

Il torinese di 40 anni risultato positivo al Coronavirus «ha avuto contatti con un famigliare di un contagiato della Lombardia». È quanto ha precisato in serata l'Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte con un comunicato. Il paziente torinese «è stato ricoverato all'ospedale Amedeo di Savoia di Torino» e «le sue condizioni di salute non destano al momento preoccupazione». «Sono state prese - prosegue la nota - le misure precauzionali nei confronti dei famigliari e delle persone che in questi giorni sono state in contatto con lui, compresi gli operatori sanitari che gli hanno prestato assistenza».


Ultimo aggiornamento: Sabato 22 Febbraio 2020, 19:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA