Coronavirus, filippino aggredito al supermercato da un uomo che lo aveva scambiato per un cinese

Quando la psicosi per il Coronavirus si unisce all'ignoranza e all'inciviltà, accadono le cose più gravi e impensabili. Un cittadino di nazionalità filippina, infatti, è stato aggredito in un supermercato da un uomo che, con tutta probabilità, lo aveva scambiato per un cinese.

Leggi anche > «Hai il coronavirus»: filippino scambiato per cinese, insultato e picchiato sull'autobus a Cagliari
 
 

In un filmato che sta circolando sui social nelle ultime ore, si vede un uomo aggredire il cittadino filippino con un violento pugno al volto, per poi cercare di colpirlo ancora. A quel punto l'uomo aggredito prova a difendersi mentre altri clienti e alcuni dipendenti del supermercato li separano. «V********o, io sono filippino, non cinese», la risposta dell'uomo vittima di un'aggressione priva di alcun senso.

L'aggressione ricorda molto quanto accaduto due settimane fa ad Assemini (Cagliari): un uomo filippino, scambiato per un cinese (nonostante i tratti somatici tra le due popolazioni siano piuttosto differenti), era stato aggredito su un bus da tre ragazzi, poi fuggiti.
 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Febbraio 2020, 23:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA