Bolsonaro a Padova, tensione tra manifestanti e polizia: idranti in azione e lancio di oggetti

Video

Tensione a Padova per la visita del presidente del Brasile Jair Bolsonaro. Sono circa 500 i giovani dei gruppi antagonisti e dei centri sociali che si sono radunati in attesa del suo arrivo lanciando oggetti contro la polizia: le forze dell'ordine, sul posto con sei camionette, hanno azionato gli idranti. 

 

Le due cariche delle forze dell'ordine e l'uso degli idranti hanno disperso i manifestanti che si sono allontanati di corsa da via Belludi, la principale strada di accesso alla Basilica di Sant'Antonio a Padova, per defluire lungo via Roma, una delle arterie principali della città. Tutto questo è avvenuto proprio nei minuti in cui il presidente brasiliano si congedava da Anguillara per raggiungere Padova. Non è escluso che i manifestanti possano ricompattarsi davanti all'edificio sacro percorrendo le vie laterali.

 

La cittadinanza onoraria di Anguillara

In mattinata Bolsonaro era stato ad Anguillara per ricevere la cittadinanza onoraria. Qui si è incontrato anche con alcuni lontani parenti, discendenti della famiglia Bolsonaro che a fine '800 emigrò in Brasile. «Sono felice ed emozionato di essere qui. Penso si veda», ha spiegato. Mentre riceveva l'abbraccio dei sostenitori Bolsonaro non ha mai indossato la mascherina di protezione dal Covid. «Da qui sono partiti i miei nonni - ricorda -. Mi fa piacere essere tra la brava gente». Bolsonaro ringrazia per l'accoglienza e garantisce: «sono onorato di rappresentare la nostra famiglia in Brasile. Stiamo facendo un ottimo lavoro». 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Novembre 2021, 16:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA