Boato nella valle, esplodono 40 cariche di dinamite: la frana crolla a un metro dalle case

Schiucaz. Oggi 14 giugno. Ore 15.00. Boom! Un boato scuote la valle: le 40 cariche di dinamite collocate da Veneto Strade sulla parete che incombe sulle case del paese esplodono e il fronte della frana si stacca e piomba sui container posizionati a protezione delle case. Milletrecento metri cubi di pietra (in realtà un po' meno, il carico di dinamite è stato "prudente") piovono dall'alto frantumandosi a un metro dai muri delle case: un'esplosione quasi chirurgica, una "guerra intelligente" sotto la regia di Veneto Strade e della Protezione Civile del Veneto.
 

Era il 12 maggio quando i 17 abitanti del minuscolo borgo dell'Alpago, sede di un antichissimo mulino sul Tesa, sono stati costretti, in 15 minuti, ad abbandonare le loro case: la montagna che da sempre sovrasta il paese si era mossa sotto le nuove piogge, la goccia che dopo l'uragano Vaia aveva fatto traboccare il vaso. Massi enormi erano caduti sulla strada, a ridosso delle case. E subito si era detto che il paese bisognava ricostruirlo altrove. La frattura, sulla montagna, si allargava di un metro al giorno. Ma i 17 paesani di Schiucaz non hanno mollato, il sindaco di Alpago non ha mollato, la Regione non ha mollato. Ed è scattato un piano prima di allora impensabile: far crollare con la dinamite la testa della frana, la parte alta, dopo aver protetto le case con una teoria di conteiners. Il resto verrà asportato con mezzi meccanici. E se tutto va bene, il paese continuerà a vivere.


 
Venerdì 14 Giugno 2019, 15:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA