L'ex Miss Padania nei guai: alla sbarra per tentato furto con scasso
di Denis Barea

L'ex Miss Padania Benedetta Mironici nei guai: alla sbarra per tentato furto con scasso

Guai per l'ex Miss Padania Benedetta Mironici. Bella, bellissima, una vera dea. La 35enne Benedetta ha un passato da Miss che tante ragazze le invidierebbero: Dea italiana nel 2006, Miss Padania nel 2008, Miss TrevisoMarathon l’anno successivo. Fisico scolpito, capelli biondi e occhi chiari, il suo è un fascino che non può passare inosservato. Ma dalle stelle delle passerelle la Mironici è precipitate alle stalle, o meglio alle aule di Tribunale che adesso frequenta come imputata di tentato furto e ricettazione. Una storiaccia quella che coinvolge l’ex Miss Padania, coinvolta neltentato furto al furgoncino di un artigiano insieme all’amico trentenne Federico Marini e a una terza persona che non è mai stata identificata. Secondo quanto emerso dalle indagini la notte del 4  luglio scorso la Mironici, Marini e il complice avrebbero tentato di forzare la serratura di un furgone da lavoro parcheggiato a S. Antonino, a Treviso. Le intenzioni non sarebbero state quelle di rubare il mezzo ma di prelevare il suo contenuto. Erano le tre e mezza del mattino e l’operazione di scassinamento della serratura non deve essere stata proprio delle più silenziose perché qualcuno, svegliato dai rumori, si è affacciato dalla finestra, ha visto alcuni individui armeggiare intorno al furgone e ha chiamato la polizia. Quando gli agenti della Volante sono arrivato sul posto hanno praticamente colto i ladri con le mani nel sacco. Poi è scattato l’arresto e la perquisizione dell’auto di Marini e dell’abitazione dei due di Preganziol, dov’è stata trovata diversa refurtiva, tra cui alcuni computer e una moto rubata a Jesolo.

X Factor 2018, Asia Argengo: «Non è stata una mia scelta, ci tenevo»​

IL PROCESSO
Ieri la 35enne e il suo complice sono comparsi davanti al giudice monocratico Alberto Fraccalvieri per la direttissima. Ma la difesa della donna, assistita dall’avvocato Renato Alberini del Foro di Venezia, e quella di Marini hanno chiesto un rinvio per ricercare con il pubblico ministero Davide Romanelli la possibilità di un accordo e patteggiare la pena. Se ne riparlerà il 5 novembre. Se l’accordo tra la Procura e i legali dei due imputati non ci sarà, la Mironici e Marini verranno giudicati in abbreviato. Non è la prima volta che le cronache giudiziarie si occupano di Benedetta Mironici. Nel 2012 la donna aveva denunciato per maltrattamenti e lesioni aggravate l’allora compagno, l’imprenditore Roberto Fulmine. L’uomo, inizialmente indagato per tentato omicidio, era stato prosciolto dopo che, finito a processo per le sole lesioni aggravate, aveva risarcito la Mironici che aveva quindi ritirato la querela.
Ultimo aggiornamento: 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA