Conor McGregor a Facchinetti: «Non mi dispiace, te lo sei meritato». Poi cancella il tweet

Il post è stato subito cancellato dal campione

Video

Lo scontro tra Conor McGregor e Francesco Facchinetti, iniziato 4 settimane fa con un pugno lanciato in una sala privata dell'Hotel St. Regis di Roma, diventato un combattimento social, non sembra destinato ad esaurirsi. A sferrare il suo attacco è ancora una volta il lottatore di arti marziali che tramite il suo proflo twitter pubblica un delirante post ben presto scomparso dai radar. 

 

Leggi anche > Facchinetti choc: «McGregor mi ha picchiato. È violento e pericoloso»

 

McGregor, il tweet cancellato: «Te lo sei meritato»

«Per chiunque abbia mai avuto uno schiaffo da me, non mi dispiace, te lo sei meritato», sono queste le parole postate su twitter nelle scorse ore da Conor McGregor. Un messaggio delirante, di cui forse il lottatore deve essersi pentito. Il post è stato però ben presto cancellato e seguito da un altro messaggio «Io non cancello i tweet, lo fa il mio maggiordomo», ha ironizzato. 

 

 

 

Il pugno nell'Hotel di Roma

Una festa privata tra amici nell'Hotel St. Regis di Roma degerata in uno scontro fisico. «All'improvviso ha tirato un pugno in faccia a Francesco»: così, in una storia su Instagram, la moglie di Francesco Facchinetti aveva raccontato che Conor McGregor aveva picchiato suo marito. «Poteva ucciderlo, si è spaccato labbra e naso. Francesco è volato indietro, è caduto sul tavolo...e sto tremando come un vitello». 

 

La provocazione di Holloway citando Facchinetti

Nelle ultime ore McGregor si è scontrato, sempre su twitter anche con il collega, lottatore americano, Max Holloway, che ha provocato il campione irlandese postando il video della "Canzone del capitano" di Facchinetti, con un chiaro riferimento alla vicenda dell'aggressione: «La userò per salire sul ring quando ci sfideremo, così ti ecciti». La discussione è proseguita con altre provocazioni ed espressioni colorite, tweet poi rimossi da McGregor. 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 14 Novembre 2021, 11:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA