Uccide il marito infermo a martellate dopo anni di abusi: «Non sopportavo la sua malattia»
di Alessia Strinati

Uccide il marito infermo a martellate dopo anni di abusi: «Non sopportavo la sua malattia»

Uccide il marito picchiandolo a colpi di martello. Un'ostetrica di  54 anni, Hannegret Donnell, si è accanita sul marito malato arrivando a picchiarlo selvaggiamente, fino a lasciarlo esanime in una pozza di sangue. I fatti si sono svolti nella loro casa nel Buckinghamshire, nell'Inghilterra sud-orientale, dove è stato trovato il corpo del 55enne.

Sparisce dopo l’addio al nubilato, trovata morta in un canale. Sepolta con l’abito bianco del matrimonio



Le analisi sul cadavere di Cristopher hanno mostrato abusi pregressi, secondo i medici la donna avrebbe abusato di lui per anni, approfittando delle sue condizioni di salute che spesso lo costringevano a stare a letto. Martellate sul corpo, coltellate, lesioni alle corde vocali e traumi di vario genere: questi sono i segni lasciati dalla donna sul corpo del coniuge. Pare che le violenze siano iniziate quando lui si è ammalato, la donna era convinta che lui approfittasse del suo stato e ha confessato di averlo colpito la prima volta quasi per gioco, poi le violenze sono diventate sempre più frequenti e sempre più brutali.

«Gli ho dato dei pugni sul naso quando mi arrabbiavo con lui ma non si è fatto mai nulla di grave. L'ho spinto alla schiena per farlo camminare un po' più veloce, poi è inciampato e si è schiantato a terra», ha confessato la donna alla polizia, come riporta la stampa locale. La donna pare tenesse un diario con gli abusi che compiva sul marito, pochi giorni prima del decesso aveva annotato che non lo aveva mandato in bagno per giorni. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA