Trova l'assassino del fratello e della fidanzata dopo 40 anni: il giallo risolto grazie a Facebook
di Silvia Natella

Trova l'assassino del fratello e della fidanzata dopo 40 anni: il giallo risolto grazie a Facebook

  • 588
    share
Penny Farmer era solo un'adolescente quando, nel 1977, suo fratello Christopher fu ucciso insieme alla sua compagna Peta Frampton. E ora che di anni ne ha 57 è riuscita a trovare l'assassino della coppia grazie a Facebook. Le vittime avevano lasciato Manchester per iniziare un viaggio intorno al mondo dal quale non sono più rientrati: sette mesi dopo la partenza furono trovati morti in America centale. Avevano 25 e 24 anni. 

Maria parte per fare il giro del mondo: violentata e uccisa a 25 anni 

Jay e Lauren, giravano il mondo in bici: uccisi dalI'Isis in Tagikistan

Il giallo sulla loro morte è durato più di quarant'anni, come sottolinea il Sun. Penny non si è persa d'animo un solo giorno finché suo fratello non ha ottenuto giustizia. Inutile era stato il tentativo di suo padre, giornalista della Bbc, di assumere un detective privato. La donna ha chiesto la riapertura del caso sulla base di alcune lettere ricevute nel dicembre del 1977 e dopo aver semplicemente cercato un nome su Facebook.


Il fratello, che si era appena laureato in medicina, aveva scritto di aver conosciuto un   americano di nome “Dwayne” che si era offerto di portarli dal Belize e in Messico come membri dell’equipaggio sulla sua barca a vela di legno di 32 piedi, il Justin B. La proposta presagiva un'avventura affascinante e per due ragazzi appena usciti dall'università con tanti sogni nel cassetto era irrinunciabile.


Ad un tratto però le loro lettere non arrivarono più a casa. Un silenzio durato un anno fino a quando la famiglia di Penny ha scoperto che i corpi non identificati di una giovane coppia europea erano stati estratti dall’acqua a 200 metri dalla riva. 
Christopher e la fidanzata erano stati torturati, legati e gettati in mare mentre navigavano a largo del Guatemala. Più tardi le analisi avrebbero confermato l'identità dei due giovani. 


ll detective ingaggiato dal padre riuscì a risalire al nome del "traghettatore", Silas Duane Boston, un pregiudicato condannato per stupro in California e scappato in America Centrale. L'uomo spiegò loro di aver interrotto ogni rapporto con la coppia molto prima perché la sua imbarcazione si era rotta. 
Sul social network Penny ha digitato il nome di Boston e ha preso contatti con i figli Vince e Russell. I due si sono rivelati testimoni chiave del caso perché hanno confessato di aver visto il padre uccidere Christopher e Peta. Penny ha anche scritto un libro per raccontare la tragica morte dei due ragazzi. 



 
Lunedì 13 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 11:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME