«L'azienda non analizza i test Covid ma rilascia certificati di negatività per i viaggi»: l'accusa choc

«L'azienda non analizza i test Covid ma rilascia certificati di negatività per i viaggi»: l'accusa choc

Una delle principali società di test diagnostici Covid del Regno Unito, incaricata di svolgere i tamponi per rilasciare certificati di idoneità al volo per i passeggeri diretti all'estero, è finita nella bufera con una pesante accusa: essersi disfatta dei campioni non ancora analizzati e aver rilasciato ugualmente il lasciapassare. La RT Diagnostics è al centro di un'indagine del tablodi britannico “The Sun”, da cui emerge che molti dei test vengono semplicemente lasciati in giro in scatole senza essere elaborati.

 

 

Covid, in Francia si entra solo con un test negativo nelle 24 ore precedenti

 

 

L’azienda con sede ad Halifax, UK, e gestita dal consigliere laburista Faisal Shoukat riceve al giorno fino a 10.000 test, di cui si fa carico per lasciar andare i turisti all'estero. La stessa azienda avrebbe ricevuto diverse denunce: tra le accuse quella di aver emesso risultati negativi per un test del giorno stesso, 8 prima della data prevista. In seguito alle tante accuse arrivate, l'ex segretario alla salute Jeremy Hunt ha chiesto un'indagine urgente.

 

«Il personale non sta testando tutti i campioni, - afferma un dipendente dell’azienda - ma alle persone viene detto che i loro risultati sono negativi. Questo è molto serio. I loro clienti potrebbero diffondere il virus in giro completamente inconsapevoli». Inoltre, il personale che si occupava dei test sensibili è stato filmato senza indossare alcun dispositivo di protezione personale prima di lanciare i tubi nelle scatole. 

 

RT Diagnostics è stata fondata da Mr Shoukat (34 anni), ad aprile e, sebbene abbia agito legalmente, il servizio di accreditamento del Regno Unito ha affermato che l'azienda non è mai stata un organismo accreditato dall'UKAS. Lo stesso Shoukat risponde al The Sun dicendo: «Ci sono prove?».

I kit di test non elaborati vengono scaricati «in sacchetti di plastica neri e scaricati nel retro degli uffici» ha dichiarato un informatore che avrebbe anche ripreso col cellulare le immagini dello scempio. E prosegue: «Questo è scioccante e anche molto pericoloso nella battaglia contro il Covid. C'è bisogno di un'indagine immediata e, se del caso, di accuse».

I clienti, furiosi, hanno creato una pagina Facebook di 450 membri dove si leggono lamentele di ogni tipo, come: «I certificati stessi non hanno alcun riferimento ai campioni di prova e ognuno ha lo stesso ID».


Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Luglio 2021, 12:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA