Padre e figlia affogati nel Rio Grande, la foto-choc che indigna l'America
di Enrico Chillè

Padre e figlia affogati nel Rio Grande, la foto-choc che indigna l'America

Una foto drammatica, di quelle destinate a rimanere nella storia e che ricorda molto quella di Aylan, il bimbo siriano rinvenuto morto su una spiaggia turca nel 2015. La piccola Valeria, di neanche due anni, ha perso la vita insieme al suo papà Oscar, nel tentativo disperato di attraversare il Rio Grande, il fiume che separa il Messico dal Texas, dove la famiglia era giunta da El Salvador.



La foto che immortala papà e figlia, riversi a faccia in giù lungo le rive del fiume, ha sconvolto il mondo. A scattarla è stata la giornalista messicana Julia Le Duc, che ha ricostruito anche la storia della famiglia: il salvadoregno Oscar Alberto Martinez era arrivato, insieme alla figlia e alla moglie Tania, fino al confine tra Messico e Stati Uniti. Qui, oltre due mesi fa, aveva chiesto asilo alle autorità statunitensi, ma senza ricevere alcuna risposta. Per questo motivo, l'uomo aveva tentato di attraversare il confine a nuoto ed entrare a Brownsville, in Texas, ma una volta giunto a riva aveva notato la moglie, rimasta più dietro, in difficoltà. Oscar si era quindi gettato di nuovo nel fiume, ma la bimba lo aveva seguito: alla fine, la corrente li ha trascinati via, facendo affiorare i corpi sulla riva messicana del fiume. La piccola Valeria è stata ritrovata abbracciata al suo papà, che ha lottato fino all'ultimo per proteggerla. Lungo il confine tra Messico e Stati Uniti, gli agenti di frontiera hanno trovato altri quattro morti: si tratta di una giovane donna, due bambini e un neonato, deceduti probabilmente per disidratazione.

Le reazioni del mondo politico e non solo non si sono fatte attendere. Beto O'Rourke, candidato democratico alla Casa Bianca, non ha usato mezzi termini: «Il responsabile è Trump, che costringe i richiedenti asilo ad attraversare il confine eludendo i normali porti di ingresso. Tutto questo contro la nostra umanità e senza benefici per la nostra sicurezza». La foto ha però sollevato critiche anche sul fronte repubblicano, con le accuse dirette di alcuni senatori: «Ora basta, non si possono più accettare tragedie simili al confine col Messico».
Anche Papa Francesco è rimasto addolorato per quanto accaduto nei pressi di Brownsville, come ha spiegato Alessandro Gisotti, direttore della sala stampa del Vaticano: «Da parte sua c'è una tristezza immensa, è addolorato per la loro morte e continua a pregare per tutti i migranti morti per fuggire dalla guerra o dalla miseria».
Ma il presidente Trump non ci sta: «Odio quella foto. Ma sono i democratici i responsabili, non io», ha detto, ribadendo che se gli avversari politici volessero davvero riformare il sistema di immigrazione non ci sarebbe più gente che cerca di entrare attraverso il Rio Grande. E poi ha aggiunto: «Andremo avanti con la costruzione del muro».
riproduzione riservata ®
Giovedì 27 Giugno 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA