Non esce mai con i colleghi, l'azienda lo licenzia: «Con loro troppo alcol». E il giudice gli dà ragione

La curiosa storia di "Mister T", un consulente d'azienda il cui caso è esploso in Francia

Non esce mai con i colleghi, l'azienda lo licenzia: «Con loro troppo alcol». E il giudice gli dà ragione

di Redazione web

Va bene il lavoro e gli affari, ma anche divertirsi è importante. C'è però chi è più propenso a farlo e chi invece fatica di più... e viene licenziato. È il caso di un consulente di un'azienda francese, che proprio perché non accettava gli inviti dei colleghi è stato licenziato

Katia Bassi morta: manager delle supercar, tra le 100 donne di successo in Italia per Forbes. Aveva 54 anni

Foxconn, caos in Cina nella fabbrica che produce per Apple e iPhone: le proteste represse con la forza

Fruttivendolo "vende" la moglie ai clienti: «Fai sesso con lei, mi servono i soldi». I testimoni: «Pagato 50 euro»

La vicenda

Uno dei principi fondamentali all'interno dell'azienda francese Cubik Partners, è il benessere dei suoi dipendenti che, secondo la società, non solo si fortifica costruendo un sereno ambiente di lavoro, ma anche vivendo insieme, esperienze conviviali all'infuori dell'ufficio. Mr. T. (così viene indicato nei documenti del Tribunale di Parigi), non ha però voluto seguire la "policy" di Cubik Partners e più volte ha rifiutato gli inviti ad uscire, per questo l'azienda non l'ha più voluto con se. 

Il processo

In tribunale, Mr.T ha spiegato che le serate di divertimento a cui l'azienda avrebbe voluto che partecipasse, consistevano in pratiche umilianti a sfondo sessuale e con presenza di molto alcol. Il tribunale ha dato ragione a Mr. T, che comunque ha lasciato il posto di lavoro, sentenziando che il rifiutarsi di partecipare a feste e ritrovi non fosse una mancanza di rispetto ma espressione della propria libertà. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Novembre 2022, 12:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA