Sette neonati uccisi in ospedale: iniziato il processo all'infermiera Lucy Letby

La professionista sanitaria è accusata di aver ucciso 5 bambini e due bambine appena nati

Sette neonati uccisi in ospedale: iniziato il processo all'infermiera Lucy Letby

di Redazione web

È accusata di aver ucciso sette neonati. Lucy Letby, infermiera di 32 anni, potrebbe aver portato alla morte cinque bambini e due bambine, tra il 2015 ed il 2016, mentre lavorava all'unità neonatale del Countess of Chester Hospital nella città di Chester, nel Regno Unito. Oggi, inizia il processo a carico dell'operatrice sanitaria, che dal giorno delle incriminazioni continua a negare qualsiasi accusa nei suoi confronti. Il caso Letby ha scioccato l'opinione pubblica inglese, che sta seguendo con grande attenzione l'esito processuale.

Nicolò muore a 2 anni per overdose: aveva ingerito qualcosa al parco. Il papà indagato per omicidio colposo

Un lungo processo

In realtà si presuppone che il processo sarà molto lungo, circa sei mesi, e ad alto impatto mediatico, tanto che un'ordinanza del tribunale ha vietato di rivelare l'identità dei bambini sopravvissuti, quelli deceduti ed anche dei loro genitori o qualsiasi testimone collegabile alla morte dei sette bambini.

Maestra torna a insegnare a 96 anni: Irene Verdi è un'istituzione nella scuola di Don Milani

Morti sospette

La donna fu arrestata lo scorso luglio in seguito alla morte dei bambini, ma poi venne rilasciata per insufficienza di prove a suo carico. I decessi dei neonati si verificarono in circostanze misteriose, in assenza di patologie congenite. Le indagini, da subito, portarono a sospettare delle infermiere in turno nell'unità che si occupava dei piccoli, che morirono a causa di collassi.


Ultimo aggiornamento: Martedì 4 Ottobre 2022, 14:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA