Guerra Ucraina, ceceno muore colpito da un missile mentre è in diretta sui social: il video è da brividi

Il soldato (alleato dei russi) si stava riprendendo mentre era in corso un bombardamento. Le sue ultime parole: «Kadyrov è forte»

Guerra Ucraina, ceceno muore colpito da un missile mentre è in diretta sui social: il video è da brividi

È morto inneggiando al «grande Kadyrov», il dittatore ceceno alleato di Putin, mentre si riprendeva in diretta sui social, colpito da un missile. È la follia della guerra moderna. Dove non arrivano i media, ci sono gli smartphone a raccontare, riprendere, documentare.

In trincea ci sono ragazzi poco più che ventenni, presi a combattere mentre vivevano la propria vita, fatta anche di Instagram, TikTok e Twitch. E muoiono, spesso per qualcosa in cui neanche credono. Questa è l'unica costante, sempre uguale da quando si combatteva con pietre e bastoni, fino a oggi.

Soldato ceceno muore in diretta social

Questo soldato ceceno è solo uno dei tanti. Il video che sta circolando sui social è tanto crudo, quanto tremendamente reale. E da brividi. Pochi secondi, in cui parla e prova a nascondere la preoccupazione, riuscendoci a fatica. In lontananza il rumore delle bombe che esplodono. Insieme a lui altri soldati, non ripresi, ma che si sentono discutere. Il soldato mastica una gomma e si inquadra in viso. Poi pronuncia le sue ultime parole: «Achmat (il nome di Kadyrov, ndc) è potere». Una frase che dice per darsi coraggio, ma che serve a ben poco. All'improvviso una luce rossa e un tonfo sordo interrompono il video. L'accampamento dove si trovavano è stato colpito da un missile, uccidendo tutti.

La guerra in streaming

La guerra in Ucraina sarà ricordata sui libri anche per essere stata la prima raccontata via social. Dall'inizio dei combattimenti sono tantissimi i video arrivati dal fronte, soprattutto dalla sponda ucraina. I social media manager del governo di Kiev hanno lavorato incessantemente per raccontare positivamente le gesta dell'esercito. Un modo per tenere alto l'umore di chi è chiuso nei bunker, ma soprattutto di chi combatte e rischia la morte per la Patria. Su TikTok e Instagram sono tantissimi i video di soldati che raccontano le loro giornate, spesso anche con sottofondi musicali che aumentano l'hype. Un modo per tenersi in contatto con mondo e raccontare storie di guerra che altrimenti nessuno saprebbe mai. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 8 Agosto 2022, 13:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA