La ex fidanzata gli dice che è brutto, 19enne la sgozza: «L'amavo e mi ha offeso»
di Alessia Strinati

La ex fidanzata gli dice che è brutto, 19enne la sgozza: «L'amavo e mi ha offeso»

La ex fidanzata lo definisce "brutto" e lui le taglia la gola. Bernandino Matias ha confessato alla polizia di aver ucciso Tania Rico, 16 anni, a Decatur, Alabama, nell'ottobre 2019. A distanza di mesi il giovane ha raccontato quello che è successo durante il delitto ammettendo per la prima volta che ha agito di impulso dopo essere stato insultato.

 

Leggi anche > Studentessa uccisa a 21 anni dal suo fidanzato: «Era minacciata da tempo ma non voleva far preoccupare la famiglia»

 

 

Il ragazzo di 20 anni, ha spiegato di essersi offeso dopo che lei gli aveva detto che era brutto, così ha detto di averla afferrata per i capelli con la mano sinistra prima e di averle poi tagliato la gola con un coltello che aveva nell'altra mano. Le ho chiesto: «Piccola, stai bene?», ha detto alla polizia: «Stava insultando me e la mia famiglia, ha detto che avevo una brutta faccia. Mi ha detto di andarmene ... le ho detto che l'amavo ... ho lasciato la scuola per pagare l'appartamento per vivere con lei», ha spiegato agli agenti, come riportato da Metro.

 

La ragazza lo aveva lasciato per un altro ragazzo ma il 20enne non riusciva ad accettare la separazione. In questi giorni si sta svolgendo il processo a suo carico, ma per il giudice dovrà essere considerato al pari di un adulto vista l'efferatezza del delitto. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 4 Dicembre 2020, 19:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA