Il principe Carlo riconosce gli abusi ai bambini nativi in Canada. «Ma niente scuse ufficiali»

Il principe Carlo in visita con la moglie Camilla in Canada ha riconosciuto gli abusi contro i bambini nativi nelle scuole del Paese tra il XIX secolo e gli anni '70 del secolo scorso

Il principe Carlo riconosce gli abusi ai bambini nativi in Canada. «Ma niente scuse ufficiali»

Il principe Carlo in visita con la moglie Camilla in Canada, nell'ambito delle missioni celebrative dei Windsor nei Paesi dell'ex impero per il Giubileo di Platino della regina Elisabetta, ha riconosciuto gli errori commessi e gli abusi perpetrati contro i bambini nativi nelle scuole del Paese nordamericano tra il XIX secolo e gli anni '70 del secolo scorso ma non ha offerto scuse ufficiali a nome della monarchia britannica. L'erede al trono ha preso parte col premier canadese, Justin Trudeau, a un evento a Ottawa e ha dialogato con RoseAnne Archibald, a capo dell'assemblea delle First Nations (le popolazioni autoctone del Paese), che ha ribadito a Carlo la necessità di scuse formali in quanto rappresentante della regina, capo di Stato del Canada.

Leggi anche > In Corea del Nord dilaga il Covid: ma Kim Jong-Un pensa al 7° test nucleare «per provocare Biden»

Le scuse non sono arrivate ma Archibald ha riconosciuto che almeno «un primo passo» è stato fatto dal principe verso le richieste dei nativi. Le scuse ufficiali sono state una linea rossa per i reali anche in riferimento al passato colonialista e schiavista del Regno Unito, rispetto al quale viene imputata una certa responsabilità morale alla monarchia, nelle recenti visite ai Caraibi dei conti di Wessex, il principe Edoardo e la moglie Sophie, e del principe William con la consorte Kate. Visite segnate da polemiche contro la corona per la richiesta disattesa di compiere un passaggio formale invocato dalle popolazioni locali.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Maggio 2022, 19:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA