Boy Scout in bancarotta per gli abusi sessuali, l'organizzazione costretta a risarcire migliaia di vittime: il più grande risarcimento della storia

Boy Scout in bancarotta per gli abusi sessuali, l'organizzazione costretta a risarcire migliaia di vittime: il più grande risarcimento della storia

I Boy Scouts of America hanno dichiarato bancarotta di fronte alle decine di migliaia di ricorsi per abusi sessuali. L'organizzazione ha raggiunto un accordo da 850 milioni di dollari per chiudere il caso delle denunce di abusi sessuali da parte di migliaia di ex appartenenti all'organizzazione giovanile. L'accordo, depositato presso la Bankruptcy Court del Delaware, costituisce il più grande risarcimento per abusi sessuali a minori della storia americana.

Leggi anche >Malika Chalhy, la Mercedes e il cane da 2.500 euro. Lei si difende: «I soldi delle donazioni erano per la mia serenità»

Un anno fa i Boy Scouts di America hanno dichiarato bancarotta di fronte alle decine di migliaia di ricorsi per abusi sessuali: oltre 84mila persone che hanno denunciato abusi che risalgono fino agli anni sessanta. Saranno circa 60mila quelli che riceveranno effettivamente i risarcimenti, che saranno circa 14mila dollari per ogni ricorrente, secondo le stime di Usa Today. 

I Boy Scouts nella dichiarazione di bancarotta dello scorso marzo avevano dichiarato che intendevano vendere decine di quadri di Norman Rockwell ed azioni nel settore energetico in 17 stati per poter pagare i risarcimenti alle vittime di abusi sessuali.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 2 Luglio 2021, 22:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA