Amanda Knox e Lorena Bobbit insieme al Festival del crimine: «Siamo esseri umani e ci supportiamo»
di Silvia Natella

Amanda Knox e Lorena Bobbit insieme al Festival del crimine: «Siamo esseri umani e ci supportiamo»

Saranno stati i comuni trascorsi con la giustizia a cementare il legame tra Amanda Knox e Lorena Bobbit. Una è la giovane di Seattle accusata dell'omicidio di Meredith Kercher, l'altra è salita alle cronache per aver evirato il marito, diventando suo malgrado protagonista di un caso di cui parlò tutto il mondo. Le due sono apparse insieme al Festival del crimine di Washington e hanno pubblicato le foto sui rispettivi profili social svelando al mondo la loro amicizia. 

Leggi anche > I genitori chiudono il figlio di 5 anni in una gabbia per gatti e lo uccidono con l'acqua bollente: «Non voleva fare il bagnetto»

Amanda è stata in carcere a Perugia, ma poi è stata assolta, mentre la 49enne Lorena ha pagato i suoi debiti con la giustizia per aver tagliato nel 1993 gli organi genitali del marito John Wayne Bobbit, che abusava di lei. A unire le donne è anche la rabbia nei confronti dei media, dal momento che le loro storie hanno sempre attirato l'attenzione mediatica. «Il nostro trauma usato per fare soldi», hanno detto sottolineando la loro natura di vittime.


«Io e Lorena abbiamo molte cose in comune - ha detto Knox in un'intervista rilasciata a Fox 5 -. La nostra partecipazione al Festival del crimine è stata un momento storico per le donne offese e umiliate». «La gente si aspetta che persone come noi striscino sotto una roccia per la vergogna. Stiamo dimostrando che non siamo i personaggi che pensavate», hanno detto entrambe. 

«Siamo esseri umani... Grazie anche ai documentari, abbiamo sostanzialmente rivendicato le nostre storie. Ora le persone conoscono la verità su ciò che è accaduto. È molto importante per noi trasmettere il messaggio giusto. Siamo degli esseri umani proprio come voi, proprio come la gente seduta davanti alla televisione. Siamo donne e ci supportiamo l'un l'altra», ha dichiarato Bobbit.
Giovedì 14 Novembre 2019, 22:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA