Louis Vuitton compra le gioiellerie Tiffany: un maxiaffare da oltre 16 miliardi di dollari

Louis Vuitton compra le gioiellerie Tiffany: un maxiaffare da oltre 16 miliardi di dollari

Una operazione da 16,2 miliardi di dollari, pari a circa 14,7 miliardi di euro: il gruppo americano dei gioielli di lusso Tiffany & Co passa ufficialmente al colosso francese del lusso LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton, che ha raggiunto un accorto per 135 dollari per azione in contanti. Dopo le indiscrezioni, l'ufficialità è arrivata tramite una nota di LVMH, in cui si sottolinea che l'acquisizione rafforza la presenza di LVMH nel comparto dei gioielli e negli Stati Uniti.

Leggi anche > Imu e Tari non pagate? Il Comune potrà pignorare i conti correnti

L'operazione, che secondo le previsioni sarà chiusa alla metà del 2020, è già stata approvata dal Cda di entrambe le società. Come spiega LVMH, l'acquisizione di Tiffany & Co trasformerà la divisione gioielli e orologi di LVMH e completerà il portafoglio del gruppo francese. «Abbiamo immenso rispetto e ammirazione per Tiffany e intendiamo sviluppare questo gioiello con lo stesso impegno e dedizione che abbiamo messo in tutti i nostri marchi», ha detto Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato di LVMH



Dopo una «revisione strategica basata su un ponderato processo interno e consulenza esterna di esperti, il consiglio di amministrazione è arrivato alla conclusione che questa transazione con Lvmh consenta di andare avanti con un gruppo che apprezza Tiffany e investirà nei suoi asset unici e nel solido capitale umano, al contempo garantendo un prezzo competitivo con certezza di valore per i nostri azionisti», ha detto Roger Farah, presidente del Cda di Tiffany

Tiffany, come ha spiegato il Ceo Alessandro Bogliolo, «si è concentrata sull'esecuzione delle priorità strategiche chiave per garantire una crescita sostenibile nel lungo termine». E questa transazione, «che arriva in un momento di trasformazione interna, garantirà ulteriore sostegno, risorse e slancio per l'evoluzione di queste priorità», ha detto Bogliolo. Citi e JpMorgan sono stati consulenti finanziari di Lvmh e Skadden, Arps, Slate, Meagher & Flom ha dato consulenza legale. Per Tiffany, Centerview Partners e Goldman Sachs sono stati consulenti per la parte finanziaria e Sullivan & Cromwell per quella legale.

Lunedì 25 Novembre 2019, 10:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA