Coronavirus, l'ex cancelliere tedesco Schroeder: «Sì agli Eurobond, è l'ora del debito comune»

Dalla Germania arriva una voce controcorrente sul finanziamento all'emergenza coronavirus in Europa. Ed è quella, autorevolissima, dell'ex cancelliere Gerhard Schroeder, che lancia un monito al suo paese: «Se c'è un Paese che deve capire come dopo una crisi esistenziale occorra un sostegno finanziario paneuropeo alla ricostruzione di chi l'ha subita, questo è la Germania. È l'ora del debito comune europeo, gli Eurobond (o Coronabond) sono un'idea da prendere in considerazione».

Leggi anche > Covid-19, il virus resiste sulle superfici fino a 9 giorni: a rischio scuole, chiese e navi​



Gerhard Schroeder, cancelliere in Germania dal 1998 al 2005, in un'intervista al Corriere della Sera ha spiegato: «Esprimo la massima vicinanza e solidarietà all'Italia, sono a favore di un pacchetto di aiuti da Bruxelles. Serve prendere misure come gli Eurobond o una obbligazione europea comune una tantum. Siamo di fronte a una crisi straordinaria. La parola del momento è solidarietà, per tutti, anche a livello europeo e internazionale. Perché se l' Unione e i Paesi membri non vincono questa sfida, allora l' intero progetto europeo è in pericolo».

L'avvertimento di Gerhard Schroeder è diretto anche e soprattutto all'Europa: «Serve una risposta veloce e la stiamo dando. Per questo bisogna usare quello che già esiste: il Meccanismo europeo di stabilità senza particolari condizionalità, la Banca europea degli Investimenti e la Commissione. Il pacchetto da 540 miliardi di euro in discussione è un segnale forte. In più c'è l' azione della Banca centrale europea, che sta acquistando titoli pubblici e privati per stabilizzare i mercati finanziari. E anche questo è bene. Il nostro obiettivo primario ora deve essere tenere in vita le imprese, mettere in sicurezza i posti di lavoro e offrire sufficiente liquidità agli Stati per metterli in condizione di agire».

L'ex cancelliere tedesco approva anche le richieste fatte da Giuseppe Conte. «Molti economisti tedeschi, li stessi che finora avevano sempre osteggiato gli eurobond, esprimono l' opinione che siano proprio questi la direzione da prendere» - ha spiegato Gerhard Schroeder - «Sono favorevole al fondo per la ricostruzione proposto da Conte. La pandemia è una crisi esistenziale, avere una Europa unita avvantaggia tutti ed è cruciale agire insieme e possibilmente cercare soluzioni europee. Questo è il mio appello».
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Aprile 2020, 12:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA