Coronavirus, 600 euro e cassaintegrazione: tutto quello che c'è da sapere

video

Il fondo di solidarietà comunale per l'anno 2020 è di 6.199.513.364,88, integrato di 332.031.465 milioni "derivanti dall'ulteriore quota dell'Imu di spettanza dei comuni": in totale oltre 6,5 miliardi. Lo si legge nel Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte e dai ministri dell'Economia e dell'Interno.

Leggi anche > Coronavirus, Conte: «Subito 4,3 miliardi ai Comuni e 400 milioni per la spesa». Scontro con la Ue sui coronabond

Ai Comuni - si legge ancora - i fondi sono erogati "in due rate entro i mesi di maggio e ottobre 2020, di cui la prima pari al 66%, comunque nei limiti della disponibilità di cassa", pari dunque a circa 4,3 miliardi come annunciato dal governo.

CORONAVIRUS ITALIA: I DATI SU MORTI E CONTAGI IN DIRETTA

Il Dpcm, a quanto si apprende, è stato registrato ieri sera dalla Corte dei Conti. Non è invece soggetta a controllo preventivo della Corte, viene inoltre precisato, l'ordinanza della Protezione civile per la destinazione dei 400 milioni di aiuti alimentari.

Cassa integrazione. Prevista una serie di misure per tutta Italia per agevolare la richiesta della cassa integrazione da parte delle imprese che ne avranno bisogno. Sul sito si trovano tutte le istruzioni per accedere alla misura. 

 Assegno di 600 euro. I 600 euro di indennità potranno essere richiesti dai lavoratori autonomi dal primo aprile. Un diritto garantito a chi ha dichiarato nell'anno 2018 un reddito non oltre i 35mila euro o a chi abbia ridotto l'attività di almeno il 33% nel primo trimestre 2020. La richiesta può essere presentata anche da professionisti e autonomi iscritti alle casse di previdenza privata.

 Sospensione mutui. E' possibile richiedere la sospensione della rata dei mutui con applicazione degli interessi semplici con il tasso applicato al contratto di mutuo maggiorato di un punto. Ancora si attendono chiarimenti sulla presentazione della domanda. 

 Bonus baby sitter. Si può fare richiesta di sostegno alle famiglie per i figli non sopra i 12 anni. Chi ne ha bisogno può usufruire di un bonus per la baby sitter di un massimo di 600 euro, con una soglia di 1000 per i dipendenti del settore sanitario. 


Ultimo aggiornamento: Domenica 29 Marzo 2020, 20:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA