Bonus Irpef da 100 euro ai dipendenti, come funziona e chi ne ha diritto

Bonus Irpef da 100 euro ai dipendenti, come funziona e chi ne ha diritto

Bonus Irpef da 100 euro ai dipendenti, come funziona e chi ne ha diritto? Il bonus che ha di fatto preso il posto dei famosi 80 euro di Renzi, è stato modificato nel corso del 2020: il vecchio bonus è rimasto in vigore fino al 30 giugno dello scorso anno e spettava a chi aveva un reddito lordo non superiore ai 24.600 euro.

 

Leggi anche > Bonus vacanze 2021: come chiederlo, a chi spetta e come utilizzarlo. Quanto conta l'Isee

 

Il bonus viene erogato direttamente in busta paga dal datore di lavoro, spetta esclusivamente ai lavoratori dipendenti o assimilabili e ammonta a 100 euro mensili fino a 28mila euro di reddito lordo annuo complessivo: la cifra si abbassa a 80 euro per i redditi tra i 28mila e i 35mila euro, per poi scendere ulteriormente tra i 35 e i 40mila, fino ad azzerarsi per i redditi oltre i 40mila euro. Il bonus non spetta invece ai ‘soggetti incapienti’, cioè coloro che hanno un reddito inferiore a 8mila euro.

 

Nel reddito complessivo non va considerato solo lo stipendio, ma i redditi provenienti da ogni categoria: dal lavoro autonomo a quello dipendente, fino ai redditi fondiari e ai redditi soggetti a cedolare secca. L’unica eccezione riguarda il reddito figurativo derivante dall’abitazione principale, e i premi di risultato che hanno un’imposta sostitutiva del 10%.

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 5 Giugno 2021, 14:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA