Benzina e diesel, dal 1° dicembre sconto dimezzato: i prezzi tornano a salire, gasolio sopra i 2 euro

Dal 1° dicembre lo sconto sulle accise scende di 12 centesimi al litro che si tradurrà in un nuovo aumento dei carburanti

Video

di Redazione web

Sarebbe conveniente fare il pieno di carburante entro la mezzanotte, perché dal 1° dicembre, i prezzi di benzinadiesel e Gpl saliranno per effetto della riduzione dello sconto sulle accise deciso dal Governo Meloni. Dai 30 centesimi si passerà a 18 centesimi di sconto, dunque il prezzo al distributore salirà di 12 centesimi al litro.
E' quanto prevede il decreto legge n. 179 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 274 del 23 novembre 2022 che rende effettivo il cambiamento dal primo giorno di dicembre. Le nuove aliquote, salvo eventuali proroghe, resteranno valide per tutto il mese, fino alla fine del 2022.

Ruba l'elettricità e ammette: «Non potevo lasciare mio padre anziano al buio». Il giudice lo assolve

Aumenti con il Natale

Nessuna variazione, invece, per il gas metano, in quanto il decreto non ha previsto alcun intervento e resta l’Iva al 5 per cento e l’aliquota di accise a zero. Gli aumenti sul carburante, che solo ultimamente è tornato ad un costo accettabile, si aggiungono all'aumento di luce e gas, che sta mettendo a dura prova famiglie, imprese, industria, e coincidono anche con il periodo delle festività natalizie, che come durante agosto, è uno dei momenti in cui gli italiani si spostano per tornare alle regioni d'origine o per qualche giorno di vacanza.

Il decreto, invece, non ha effetto sugli autotrasportatori, che usufruiscono di prezzi agevolati per evitare ripercussioni sui bene trasportati, tra cui quelli di prima necessità, come gli alimenti.

Digitale terrestre, in arrivo lo switch off: ecco la data definitiva, mancano pochi giorni

Manovra costosa

Il provvedimento che venne in primis deciso dal governo Draghi, secondo le stime è costato 4,5 miliardi di euro tra il mese di marzo e il 20 ottobre, mentre la successiva proroga al 18 novembre ha poi aggiunto ulteriori 465 milioni, portando il conto finale a circa 5 miliardi. Una misura molto costosa per le casse dello stato.

Senza lo sconto del self service, in modalità servito un litro di verde salirà da 1,852 euro a 1,974 euro, il diesel sfonderà addirittura la soglia dei 2 euro al litro, passando dagli attuali 1,957 euro a 2,079 euro/litro.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Dicembre 2022, 22:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA