L'orgoglio Made in Italy
di Alberto Mattiacci

L'orgoglio Made in Italy

L'Italia non è un posto qualsiasi: ci avete mai pensato? Pensate a un territorio pieno di coste che affacciano su mari e venti diversi, attraversato da monti e perciò pieno di microclimi, nessuno simile all'altro; pensate a una storia di invasioni, migrazioni e commistione di geni; pensate a una lingua che nasce dal latino ma assorbe cento dialetti e molte altre lingue; pensate a sovrani, nobili, papi e mercanti, che per secoli hanno rivaleggiato su chi fosse circondato da cose più belle.

Tutto questo ricade su quello che facciamo e sul come lo facciamo. Tutto questo si chiama made in Italy. Per noi è normale, per chi vive in altri posti del pianeta, invece, è speciale.

Nel mondo c'è voglia d'Italia: una voglia che vale 480 miliardi di prodotti esportati; che vale 40 miliardi di spesa turistica degli stranieri. Voglia d'Italia significa tutte quelle cose che da generazioni sappiamo fare bene e spesso meglio degli altri: vestiti, scarpe, mobili, occhiali, biancheria, gioielli, ceramiche, sedie ma anche automobili, formaggi, salumi, vini e liquori, farmaci. Ma anche panorami e paesaggi, piazze e viuzze, città e paesi. L'Italia è il posto del made in Italy. E solo l'Italia può esserlo. Ricordiamocelo e con orgoglio.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29 Aprile 2020, 10:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA