Covid, contagi in calo ma Fabrizio Pregliasco frena: «Meglio che in Gran Bretagna? Presto per dirlo»

Covid, contagi in calo ma Fabrizio Pregliasco frena: «Meglio che in Gran Bretagna? Presto per dirlo»

Per il virologo ogni nazione ha una sua curva con tempistiche diverse

I contagi da Covid-19 in Italia sono in calo in Italia, ma il virologo Fabrizio Pregliasco frena gli entusiasmi: «È ancora presto per dire che le cose vanno meglio che nel Regno Unito». I casi giornalieri registrati oltremanica si attestino da giorni intorno ai 30mila con un tasso di mortalità a tre cifre, mentre in Italia i contagi sono dieci volte meno, con un numero di morti che oggi supera di 2 unità i 50.

 

Leggi anche > Covid, il bollettino di venerdì 24 settembre 2021: 3797 positivi e 52 decessi

 

Covid, il parere di Fabrizio Pregliasco

«Quando ci saranno gli sbalzi termici - spiega il docente della Statale di Milano all'Adnkronos Salute - quando il lavoro in presenza prenderà più piede, quando sarà passato un pò di tempo dall'apertura delle scuole, lì si giocherà il destino di un'invernata», ammonisce.

 

Covid, il parere di Fabrizio Pregliasco

«Ogni nazione - spiega l'esperto - ha una sua curva con tempistiche diverse, non è un'onda sincrona nel mondo. E poi - rileva - a incidere sono state sicuramente anche differenze rispetto ad alcune modalità che non è facile andare a individuare esattamente. Noi - ipotizza il virologo - potremmo anche non essere così capaci di andare a individuare gli asintomatici». E comunque, afferma «siamo ancora su valori alti, non è che si stanno abbassando».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Settembre 2021, 23:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA