Lo studio: gli uomini soffrono più delle donne la fine di una relazione

Lo studio: gli uomini soffrono più delle donne la fine di una relazione

Un team internazionale di psicologi guidato da ricercatori dell'Università di Lancaster, nel Regno Unito, ha effettuato la prima analisi di big data sui problemi di relazione

Gli uomini soffrono la fine di una relazione più delle donne. È questo l'inatteso risultato di uno studio pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships: un dato che che ribalta lo stereotipo secondo cui gli uomini sarebbero meno coinvolti emotivamente nelle relazioni amorose. ​Un team internazionale di psicologi della Lancaster University, Gran Bretagna, ha effettuato la prima analisi dei problemi di relazione effettuata sui big data con l'obiettivo di mappare i problemi relazionali più comuni sperimentati dalle coppie.

 

Utilizzando metodi di elaborazione del linguaggio naturale, il team ha analizzato le caratteristiche demografiche e psicologiche di oltre 184.000 persone che hanno pubblicato i loro problemi relazionali in un forum online anonimo. I ricercatori sono stati quindi in grado di determinare statisticamente i temi più comuni che sono comparsi in ogni post-relazione, creando una "mappa" dei problemi relazionali più comuni.

 

Dai dati sono emersi anche modelli imprevisti, comprese le principali differenze di genere nei temi più comunemente usati. «Durante lo studio, ci siamo resi conto che era un'importante opportunità per testare molti luoghi comuni sulle differenze di genere nelle relazioni - ricorda il dottor Ryan Boyd, ricercatore principale del progetto-. Ad esempio, gli uomini sono davvero meno coinvolti emotivamente nelle relazioni rispetto alle donne? O è il caso che gli uomini siano semplicemente portati a non condividere i propri sentimenti?».

 

 

Le analisi hanno rivelato che il tema più comune citato dalle persone a proposito dei propri problemi di relazione era il dolore emotivo: il tema più comune riguardava il "mal di cuore" ed era accompagnato da parole come rimpianto, rottura, pianto e crepacuore. Contrariamente a quanto si aspettavano, i risultati del team hanno mostrato che gli uomini parlano molto di più di dolore emotivo rispetto alle donne. Questi risultati suggeriscono che lo stereotipo secondo cui gli uomini sono meno coinvolti emotivamente nelle relazioni rispetto alle donne potrebbe non essere accurato.

 

Maggiori probabilità di chiedere aiuto

Charlottle Entwistle sottolinea che, «in particolare, il fatto che il tema del crepacuore sia stato discusso più frequentemente dagli uomini mette in evidenza che gli uomini sono emotivamente colpiti dai problemi di relazione almeno quanto le donne». Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che gli uomini avevano maggiori probabilità di chiedere aiuto per le loro relazioni rispetto alle donne in contesti online.

 

Il dottor Boyd osserva che «tradizionalmente, le donne hanno maggiori probabilità di identificare i problemi di relazione, prendere in considerazione la terapia e cercarla rispetto agli uomini. Tuttavia, quando vengono rimossi i tradizionali stigmi sociali contro gli uomini per cercare aiuto e condividere le proprie emozioni, sembrano altrettanto interessati a superare i brutti momenti nelle loro relazioni quanto le donne».

 

Problemi di comunicazione al primo posto

I risultati hanno inoltre mostrato che i problemi di comunicazione sono al primo posto tra le difficoltà menzionate nella vita di coppia: quasi 1 persona su 5 che ha espresso difficoltà a discutere dei problemi e 1 su 8 ha espresso problemi di fiducia nelle proprie relazioni.


Ultimo aggiornamento: Domenica 7 Novembre 2021, 12:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA