House of Ronin a Milano, viaggio onirico nei sapori del Sol Levante
di Claudio Burdi

House of Ronin a Milano, viaggio onirico nei sapori del Sol Levante

House of Ronin è il place to be del momento in città. Tutti ne parlano, tutti vogliono provarlo, tutti vogliono dire di esserci stati, ma l'ultima ambiziosa creatura di Jacopo e Leonardo Signani (proprietari del noto ristorante Pacifico) e Guillaume Desforges divide i palati del pubblico gourmet e modaiolo, tra chi lo ama e chi ne rimane deluso, soprattutto per la qualità della proposta gastronomica (a quanto pare altalenante) e per qualche pecca nel servizio.

 

Borgo Salino a Fiumicino, pesce sovrano in piatti iconici ma rinnovati

 

Tutti però concordi nel restare affascinati dall'atmosfera onirica delle sue diverse anime (disposte nei quattro piani di un'imponente palazzina Neoliberty) fatta di giochi prospettici, neon e complementi di design che rendono ogni sua sala, un percorso verso una Tokyo del futuro tutta da scoprire.

 

House of Ronin - Milano, via Vittorio Alfieri 17 - tel: 02/89367101 - sempre aperto a cena, pranzo (solo al Piccolo Ronin) da lunedì a sabato - costo medio 70 euro

 

 

Al piano terra il Piccolo Ronin per cocktail e delizie classiche della gastronomia nipponica, tra bao, ramen e gyoza; al primo piano il ristorante Ronin Robata dove gustare le specialità cucinate sulla griglia giapponese e altri piatti dello chef Gigi Nastri. Si sale di un livello per Madame Cheng's, un sake e cocktail bar di alta mixology del Sol Levante con quattro sale karaoke, e per il non ancora aperto Shokunin, l'omakase restaurant dove si potrà vivere una food experience ultratradizionalista con lo chef bistellato Katsu Nakaji. E all'ultimo piano Arcade, un club esclusivo per membri selezionati.

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Giugno 2022, 17:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA