Snapchat elimina il filtro Juneteenth che ha spinto gli utenti a "sorridere" per spezzare le catene e si scusa

Snapchat elimina il filtro Juneteenth che ha spinto gli utenti a "sorridere" per spezzare le catene e si scusa

Snapchat si è scusata  per il controverso filtro Juneteenth che ha permesso agli utenti di "sorridere e spezzare le catene" affermando che il filtro in questione era stato rilasciato prima che superasse i consueti protocolli di revisione. Considerate le numerose polemiche il filtro è stato rimosso poche ore dopo essere stato lanciato.

Leggi anche > WhatsApp, l'ultimo accesso dei contatti «non disponibile»: problemi sulla chat, ecco cosa sta succedendo

«Ci scusiamo profondamente con i membri della comunità Snapchat che hanno trovato offensivo questo filtro», hanno fatto sapere i responsabili precisando che è stata erroneamente divulgata una versione errata del filtro, che non era stata approvata. «Stiamo studiando perché questo errore si è verificato in modo da poterlo evitare in futuro», hanno concluso.

Gli sviluppatori del filtro sono di origine ucraina e l'ipotesi è che il team potrebbe non avere familiarità con gli atteggiamenti culturali americani. I dipendenti di Black Snap sono stati coinvolti nella creazione del filtro ma non hanno visto che la versione finale includeva un'azione che avrebbe spezzato le catene se l'utente avesse sorriso, ha affermato la fonte
Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Giugno 2020, 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA