Caricabatterie, la svolta dall'Europa: addio a mille cavi, ce ne sarà solo uno per telefoni, tablet e videogiochi

Caricabatterie, la svolta dall'Europa: addio a mille cavi, ce ne sarà solo uno per telefoni, tablet e videogiochi

Tutti i dispositivi si ricaricheranno con la porta Usb di tipo C, la più comune del mercato. Permetterà di risparmiare più di 1.000 tonnellate annue di spazzatura elettronica

Arriva la svolta dalla Commissione Europea per i cellulari. Da Bruxelles  è stata rivista la direttiva sugli apparecchi tecnologici: ci sarà una singola porta di ricarica. Cellulare e non solo, arriva il caricatore unico per smartphone, tablet, casse e videogiochi.

 

Leggi anche > Caricabatterie universale, la proposta della Commissione europea divide politica e aziende

 

Tra qualche anno, gli europei non avranno più la seccatura di non poter ricaricare il telefonino quando non hanno con sé il caricatore e quelli a disposizione sono incompatibili. La Commissione Europea, dopo molti anni segnati da un approccio «volontaristico» nei confronti dell’industria, ha proposto una revisione della direttiva sugli apparecchi radio che imporrà, a partire da 24 mesi dall’approvazione della norma, l’adozione di una singola porta di ricarica per tutti gli smartphone, i tablet, le macchine fotografiche, le cuffie, le casse portatili e le consolle per i videogiochi.

La decisione è ricaduta su quella attualmente più comune, cioè una porta Usb di tipo C, che diventerà lo standard. 

In questo modo, secondo le stime della Commissione, si risparmieranno almeno 1.000 tonnellate annue di spazzatura elettronica: i caricatori inutilizzati e gettati via pesano in Europa per circa 11mila tonnellate all’anno. In aggiunta, la Commissione propone di armonizzare la tecnologia di ricarica rapida, di dare ai consumatori la possibilità di scegliere se acquistare un nuovo apparecchio con o senza un caricatore nuovo e di informare meglio i consumatori sulle caratteristiche di ricarica dei singoli apparecchi. 

L’approccio volontario adottato dalla Commissione fin dal 2009, spiega un alto funzionario Ue, «ha avuto successo, in una certa misura», dato che ha sfoltito la jungla dei sistemi di ricarica da oltre 30 a sole 3 soluzioni. I consumatori continuano però ad avere a che fare con differenti standard di ricarica. Ogni anno vengono venduti nell’Ue circa 420 milioni di telefonini e altri apparecchi portatili.

In media, un consumatore europeo possiede circa tre caricatori, due dei quali utilizza regolarmente. Il 38% dei consumatori europei, secondo la Commissione, ha vissuto almeno una volta l’esperienza di non poter ricaricare il cellulare, perché i caricatori disponibili al momento non erano compatibili con il telefonino da ricaricare. Oltre che all’ambiente, la situazione nuoce al portafoglio dei clienti (non a quello dei produttori): i consumatori europei spendono circa 2,4 mld di euro l’anno in caricatori acquistati separatamente dagli apparecchi. 

La proposta per ora non si estende ai pc portatili né ai sistemi di ricarica wireless, ma non è escluso che la Commissione possa decidere di intervenire anche in questi ambiti in futuro. Il consumatore potrà scegliere se comprare l’apparecchio con o senza il caricatore: anche nel secondo caso, l’apparecchio potrà essere venduto con un cavo, la parte del sistema di ricarica che si usura più facilmente. I produttori potranno scegliere di offrire una soluzione ‘bundled’, cioè con caricatore, se offriranno anche una soluzione senza caricatore  sullo stesso prodotto. I vecchi caricatori non compatibili dovranno essere gettati e riciclati. 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Settembre 2021, 14:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA