Lazio inarrestabile, con l'Udinese la sesta vittoria consecutiva. Doppietta Immobile: 17 reti, bomber record
di Enrico Sarzanini

Lazio inarrestabile, con l'Udinese la sesta vittoria consecutiva. Doppietta Immobile: 17 reti, bomber record

ROMA - Un tempo per liquidare l'Udinese e confermarsi la terza forza del campionato. Tutto facile per la Lazio che grazie alla doppietta di Immobile, sempre più capocannoniere a quota 17 gol, e Luis Alberto, centra la sesta vittoria di fila in campionato e blinda il terzo posto. Il modo migliore per preparare la sfida contro una Juventus che, fermata in casa dal Sassuolo, sabato sera arriverà allo stadio Olimpico con il dente avvelenato. Sugli allori oltre ai vari Immobile, Luis Alberto e Lazzari c'è anche Simone Inzaghi che al triplice fischio finale ha incassato il coro della Curva Nord.
«Giochiamo bene, facciamo un ottimo calcio, siamo il miglior attacco della Serie A con l'Atalanta ma chiedo sempre ai miei di migliorarci» sottolinea il tecnico che resta saldamente con i piedi per terra: «Dobbiamo cercare di mantenere il terzo posto, non sarà semplice, le altre arriveranno e noi dovremo essere pronti quando le cose non andranno così bene». Sabato sera all'Olimpico arriva la Juventus, un bel banco di prova per i biancocelesti: «Veniamo da un bel filotto di vittorie ma non ci dobbiamo accontentare. Sarà dura contro i bianconeri ma ci confronteremo con tutti i nostri mezzi».
A questo punto l'asticella potrebbe anche essere alzata: «Una squadra ambiziosa deve sempre pensare di migliorarsi, ma siamo focalizzati su noi stessi cercando di toglierci qualche difettuccio che ancora abbiamo. Dobbiamo provare a migliorare la classifica sapendo che prima o poi arriveranno momenti peggiori e a quel punto dovremo essere bravi a gestirli».
Sempre più inarrestabile Ciro Immobile che nella classifica dei goleador biancocelesti aggancia Rocchi a quota 105 reti: «Abbiamo dimostrato di essere un grande gruppo ed una grande squadra. Il percorso di crescita passa anche da queste partite, non perdere punti è fondamentale».
L'attaccante racconta di quando ha lasciato tirare a Luis Alberto in occasione del secondo calcio di rigore: «Se lo meritava per l'impegno che ci mette. L'ho lasciato tirare anche a Correa e Caicedo, l'importante è che ora si sia sbloccato anche Luis Alberto con la rete e non solo con gli assist».
Soddisfatto anche Lazzari tra i migliori: «La Lazio non è seconda a nessuno. Siamo contentissimi per questa grande vittoria, ora dobbiamo pensare alla prossima che è importantissima. I tifosi sono il dodicesimo uomo e ci caricano».
Chiusura sulla Nazionale: «Spero di tornarci, se verrò richiamato sarò felicissimo, ma prima devo far bene con la Lazio».


LEGGI LA CRONACA


LA CLASSIFICA
 
Domenica 1 Dicembre 2019, 12:29



© RIPRODUZIONE RISERVATA