Lazio, inizia l'era Sarri. Prima richiesta a Lotito: i big devono restare
di Enrico Sarzanini

Lazio, inizia l'era Sarri. Prima richiesta a Lotito: i big devono restare

Altra giornata al cardiopalma per i tifosi della Lazio che ancora non hanno potuto esultare per l'arrivo in biancoceleste di Maurizio Sarri. Ieri il tecnico avrebbe messo la firma sul contratto, notizia non confermata da Formello. Ma la vera notizia della giornata è stato l'articolo uscito sul sito ufficiale della Lazio che sa tanto di spoiler: nel pezzo si parla di Sarrismo' e di calciatori accostabili alla Lazio col suo arrivo come Maksimovic e Hysaj. Errore o anticipazione poco importa, salvo clamorose sorprese sarà proprio il comandante' il nuovo allenatore biancoceleste.

 

Un vero colpo quello del patron Claudio Lotito che per rendere la squadra ancora più competitiva si è spinto dove non era mai arrivando offrendo un biennale a 3 milioni a salire più bonus che posso far lievitare la cifra ben oltre i 4 milioni di euro. Ieri si è consumato l'ultimo atto della telenovela con la firma sui contratti di Sarri e dei suoi collaboratori (che avranno anche degli appartamenti a Roma messi a disposizione dalla società); contratti che sono stati inviati via Pec alla società; una volta depositati in Lega potrà essere dato l'annuncio.
L'allenatore ha ricevuto rassicurazioni sul fatto che i big Milinkovic, Luis Alberto, Immobile e Acerbi non verranno ceduti e ha chiesto rinforzi in ogni reparto indicando le caratteristiche dei giocatori e non i nomi. Via libera invece al pupillo di Lotito Correa che il tecnico non ritiene idoneo alla sua idea di gioco. La sua cessione porterà denaro da reinvestire sul mercato.


QUESTIONE TARE Il diesse Igli Tare si è dichiarato assolutamente estraneo alle vicende raccontate nell'inchiesta della trasmissione tv Report andata in onda ieri sera nella quale si parla di un presunto controllo da parte di Tare tramite un prestanome di una società di scommesse albanese.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Martedì 8 Giugno 2021, 09:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA