Paltrinieri da sogno: trionfa anche nella 10 km di fondo, Acerenza è d'argento. «Gara da sogno, sto godendo»

Paltrinieri da sogno: trionfa anche nella 10 km di fondo, Acerenza è d'argento. «Gara da sogno, sto godendo»

Un campione infinito. Gregorio Paltrinieri conferma il suo momento d'oro ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest e conquista una straordinaria medaglia d'oro nella 10 km di fondo: è la sua quarta medaglia, dopo l'oro nei 1500 sl in vasca, il bronzo nella staffetta e l'argento nella 5 km sempre sul Lupa Lake. E l'impresa di Paltrinieri è una storica doppietta azzurra: alle sue spalle infatti la medaglia d'argento è andata a un altro italiano, Domenico Acerenza. Medaglia di bronzo invece per il tedesco Florian Wellbrock.

Paltrinieri medaglia d'oro nei 1500 sl. «Oggi ero pronto a morire in vasca»

«È un sogno, primo e secondo: la cosa più bella che potesse capitare. Sentivo che Mimmo era dietro di me, lo riconosco da come mi tocca i piedi. All'arrivo stavo godendo», le parole di Gregorio Paltrinieri dopo la vittoria. «La mia strategia era lasciar fare a Wellbrock all'inizio e poi giocarmela negli ultimi 1500 metri -spiega il 27enne carpigiano delle Fiamme Oro ai microfoni di Rai Sport-. Fare primo e secondo è la cosa più bella, siamo migliori amici. Ci siamo allenati 10 anni insieme, è stupendo».

 

Una rassegna iridata trionfale, quattro medaglie di cui due d'oro, partita con un deludente quarto posto negli 800 stile libero. «Ti vengono dubbi e preoccupazioni dopo una gara del genere ma volevo dimostrare di poter ancora dare qualcosa. Dopo quella gara pensavo di tornare a casa con zero medaglie, avevo nuotato proprio male. Mi è servita però per rompere il ghiaccio e ripartire».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 30 Giugno 2022, 12:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA