Francesca De André e gli abusi, la rivelazione a Storie Italiane: cosa ha detto di quando faceva l'opinionista tv

L'opinionista ricorda gli abusi subiti e parla del coraggio che ha dovuto tirare fuori per denunciare e affrontare un percorso che ancora oggi le fa male e la turba

Francesca De André e gli abusi, la rivelazione a Storie Italiane: cosa ha detto di quando faceva l'opinionista tv

Francesca De Andrè a Storie Italiane ha raccontato la sua terribile esperienza di violenze domestiche. La nipote del noto cantautore ha ricordato in un libro gli abusi subiti, le percosse, i lividi e i traumi cranici riportati e, anche se ancora scossa e turbata dall'esperienza vissuta, ha voluto raccontarsi in un'intervista con Eleonora Daniele. 

Leggi anche > Federica Panicucci, sfuriata in diretta a Mattino Cinque: «Per me finisce qua». Cosa ha detto al suo ospite

Gli abusi

«Io non mi sento ancora al 100% sto cercando di rimettere i pezzi in sesto», ha confessato Francesca come prima cosa, «Quello che è avvenuto è stato tragico e non è finito. Nonostante questo ho lottato, ho tirato fuori le forze rimaste e ho scritto questo libro parlando di come la vioenza possa entrare a far parte del nostro inconscio e che l'accettiamo», ha chiarito ad Eleonora dopo aver visto un filmato che l'ha commossa.

Quando la Daniele le chiede cosa l'abbia spinta a scrivere il libro, ammette: «Perché l'ho fatto? Perché ho avuto un riscontro che mi ha scioccata, perché tante donne hanno preso spunto e hanno trovato la forza di denunciare». Spiega di aver vissuto a lungo come estranea a se stessa: «Io faccio l'opinionista mi sono ritrovata in tante trasmissioni a parlare di violenza sulle donne senza capire che io stessa ne ero vittima».

Leggi anche > George Clooney: «Da giovane ho subìto molestie sessuali, mi davano schiaffi sul sedere»

Poi racconta come è riuscita a uscirne: «Mi sono salvata perché un giorno urlando, una vicina di casa ha ascoltato le mie urla e mi ha portato da lei. Lui è scappato, hanno chiamato carabinieri e un'ambulanza, io nemmeno volevo andare in ospedale, mi chiedevo perché io dovessi rovinare questa persona, io pensado di salvarlo». Oggi ammette che la strada è in salita ma che è pronta a continuare il percorso che ha intrapreso. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 7 Dicembre 2022, 15:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA