Lucio Dalla, in edicola 22 dischi in vinile. Si parte con Come è profondo il mare
di Claudio Fabretti

Lucio Dalla, in edicola 22 dischi in vinile. Si parte con Come è profondo il mare

​L’anno che verrà ancora non è arrivato, ma Lucio Dalla è già tornato tra di noi, grazie alla sua musica. L’intera discografia in vinile del cantautore bolognese è infatti in edicola da oggi, con 22 dischi da collezione. Il percorso completo di un artista geniale, capace di spaziare dalla sperimentazione beat alla canzone d’autore, dalla lirica all’elettronica.

Leggi anche > Paolo Maiorino, curatore della collana dedicata a Lucio Dalla: «Lui, un genio istintivo e visionario»

Ogni uscita della collezione, curata da Paolo Maiorino, responsabile del catalogo Sony, verrà arricchita da un fascicolo corredato di immagini rare, racconti inediti e interviste ad amici e artisti con cui Dalla ha collaborato: da Carlo Conti a Renzo Arbore, da Fiorella Mannoia a Ron e Pupi Avati, dal produttore Alessandro Colombini al chitarrista Ricky Portera. Cinque di questi dischi saranno stampati su vinile per la prima volta - Canzoni, Lucio, Il contrario di me, Ciao e Angoli nel cielo - mentre altri introvabili torneranno disponibili.

La prima uscita sarà dedicata a uno dei capolavori di Dalla, Come è profondo il mare (foto), il primo album in cui l’omino bolognese si cimentò anche nella scrittura dei testi, sfornando prodezze come la title track, Il cucciolo Alfredo, Quale allegria e Disperato erotico stomp.

Intervista a Paolo Maiorino, curatore della collana dedicata a Lucio Dalla: «Lui, un genio istintivo e visionario»

Di Claudio Fabretti

Paolo Maiorino, qual è la peculiarità di questa collana?
«Abbiamo voluto ricostruire la storia di Dalla in modo diverso dal solito. Coinvolgendo tutti i musicisti, produttori, giornalisti e amici che hanno avuto a che fare con lui. Per ogni uscita c’è un booklet ricco di testimonianze e aneddoti».

Cosa emerge dell’uomo Dalla?
«Era una persona istintiva, imprevedibile. Amava discutere, provocare. Come ha raccontato Angela Baraldi, “con lui si partiva dall’arrangiamento di un pezzo e si arrivava a discutere di Schopenhauer e di filosofia”».

E in studio che musicista era?
«Io ho lavorato con lui per 3-4 dischi, nel tratto finale di carriera. Non sapeva leggere la musica, ma sapeva esprimersi tramite la musica. I musicisti all’inizio si lamentavano, poi riuscivano a capirlo e trovavano la sintonia. Lui amava il confronto, ma alla fine voleva sempre avere l’ultima parola».

Si parte da “Come è profondo il mare”. Che disco è stato?
«Un disco-chiave. Da qui iniziò a scrivere i testi, con uno stile unico, visionario. Gli giovò molto aver lavorato con Roberto Roversi, mettendo in metrica le sue poesie».

Quali sono gli album di Dalla a cui è più legato? «Il vertice forse sta nella trilogia prodotta da Colombini (Come è profondo il mare, Lucio Dalla, Dalla). Ma il mio preferito è Viaggi organizzati, dove iniziò a sperimentare con l’elettronica, assieme a Mauro Malavasi».

Una curiosità tra le tante? «Attenti al lupo era stata scartata da Ron. Si chiamava “La Casetta”. Lui la stravolse, e ne fece la hit che trascinò al successo il suo Cambio».

Martedì 3 Dicembre 2019, 07:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA